lunedì 11 luglio 2011

Un Panino al Contrario


Quello che sei non è quasi mai solo merito tuo. Anzi, forse tu c'entri veramente molto poco, in bene o in male. Perchè infondo da grande diventi quello che hai vissuto, non sei altro che il risultato di tutti quegli eventi che ti hanno coinvolto, in cui ti sei trovato o che hai deliberatamente scelto di vivere. E diventi un po' anche le persone che hai incontrato, le persone con cui hai condiviso qualcosa, che ti hanno insegnato qualcosa: ognuno lascia una traccia dentro di te che mette una piccola radice, il piu' delle volte invisibile, tanto che tu credi di essere tanto brava da essere arrivata dove sei da sola. Ma poi quando ci rifletti, ti viene da sorridere. Perchè pensi a dove saresti, a come saresti, se le cose non fossero andate esattamente come sono andate, se non ci fosse stata quella persona in quel punto preciso della tua vita. Dove sarei se non avessi avuto una mamma come la Supermum, difficile da immaginare. Dove sarei se la mia  famiglia non fosse quella che è (nonostante vanti un esempio per ogni capitolo del libro di Psichiatria..!), se non avessi questo legame con la Supernonna e le Superzie, se non avessi quei due gnometti che hanno davvero cambiato le nostre vite. Dove sarei se quel giorno in prima elementare non avessi preso per mano quei due bambini che piangevano, che adesso sono praticamente i fratelli che non ho avuto. Dove sarei se mi avessero assegnato un'altra classe, rispetto a quella che ho avuto, in cui ho conosciuto  le persone che mi hanno fatto crescere come sono cresciuta. Dove sarei senza la mia amica Giulia, a metà strada tra una sorella e una figlia, senza le nostre litigate e i nostri punti di vista diversi, dove sarei senza i pomeriggi a studiare con Cla e Ci, senza le nostre merende improbabili prima degli allenamenti di pallavolo e le partite di campionato il sabato sera prima della pizza con tutto il resto del gruppo. Dove sarei senza i giri in motorino con Sgnere, senza la sua saggezza e senza quella cicatrice sulla mano che mi ricorda quando siamo cadute per inseguire il suo ragazzo. Dove sarei, come sarei. Dove sarei senza di lui, che movimenta le mie giornate ma che mi ha insegnato forse meglio di tutti ad apprezzare quello che ho invece di lamentarmi di quello che è sempre mancato, che odia la francia ma mi porta in costa azzurra, che mi costringe ogni volta a mettermi in discussione e analizzare quello che faccio, anche se la soddisfazione di dirglielo non gliela darò mai. Ed è così, vieni da tutte queste cose: dal caso, dagli altri, dagli intrecci, le scelte, le botte che hai preso, gli sbagli che hai fatto, le parole che hai detto e le parole che non hai detto, i pigiama party, le trasferte a Ravenna, le feste di capodanno, le prime vacanze da soli, le gite scolastiche, le partite della nazionale, l'Università, le cose che non sono andate come volevi ma infondo dovevano andare cosi', le cose che accetti a fatica e quelle che non accetterai mai. Ma poi succederà che un giorno gli intrecci vi riporteranno tutti nello stesso posto, per un motivo o un altro, tra amicizie raffreddate, amori finiti e persone appena arrivate. E capisci che crescere insieme è qualcosa che non puoi ignorare, che non puoi dimenticare nemmeno se a volte sei stato talmente ferito che lo vorresti e che farà sempre parte di te; che ad ognuno di loro devi qualcosa. Cosi' come loro la devono a te, senza parole.  

 "La chimica è la base della vita. Tutto quello che succede avviene grazie ad una reazione chimica."







Panino al contrario* formaggio, prosciutto e asparagi
ispirato da " A Tavola" di giugno, con qualche tocco della Supermum

pane bianco per tramezzini 
burro pomata 
prosciutto crudo tagliato sottile
asparagi 
emmenthal a fette sottili
erba cipollina (fili interi e freschi)



Lessate gli asparagi per pochi minuti, scolateli e metteteli in una ciotola con acqua e ghiaccio perchè restino verdi. Prendete le fette di pane e passatele nella macchina per stendere la pasta, per renderle piu' sottili. Tagliatele ora in due nel senso della lunghezza, ottenendo due strisce e tagliate a misura il prosciuto e il formaggio, in modo che combacino perfettamente con il pane. Con un pennello da cucina stendete un velo di burro su un lato del pane, appoggiate sopra il prosciutto e fatelo aderire, mettendolo a contatto con il tagliere in modo da avere poi il lato di pane libero rivolto verso di voi. Mettete ora il formaggio, premete bene e con un coltello affilato tagliate ogni striscia in due parti. Scolate e asciugate gli asparagi, conditeli con pochissimo olio, sale e pepe bianco e mettetene due al centro del pane. Arrotolate come fosse un involtino e chiudete con un filo d'erba cipollina. 


*Il panino al contrario è una espressione della quale, modestamente, vanto la completa creazione :-) Invece di prendere due fette di pane e metterci il prosciutto dentro, io prendo il pane (generalmente la crosta) e ci arrotolo il prosciutto intorno. Per questo quando la Supermum ha visto la ricetta su A Tavola non ha potuto fare a meno di provarla! 


con questa ricetta partecipo al contest L'Estate in un Boccone ideato da About Food Cassandra.it


14 commenti:

°Glo83° ha detto...

bellissime le tue parole: molto profonde e molto vere...è anche (e soprattutto) grazie agli altri che siamo così! non dovremmo mai dimenticarlo...
simpaticissimo e molto chic il tuo panino al contrario! ;)

Giorgia ha detto...

bellissimo post...
e bella idea arrotolare il prosciutto sulla corsta del pane... e chiaramente anche il panino rovesciato del post :)

raffy ha detto...

che brava... sono bellissimi, e anche buonissimi!!!

giulia ha detto...

Bella idea, fresca e originale!!

Angela ha detto...

Davvero carina l'idea della ricetta ;)

Profonde e di cuore le tue parole, è la canzone che hai pubblicato mi è entrato dentro e non esce, bellissima !!!

Saretta ha detto...

Cara la mia Benedetta, le tue belissime parole rivelano quello che penso anch'io e celano la stessa riconoscenza per quello che ci ha rese quel che siamo.Nel bene e nel male.
Beh, tu sei proprio un bel risultato direi :)
Mitica tu e la supermum, questo panino è geniale!!!!
un abbraccione

Claudia ha detto...

Ma hce bei post...le tue parole sono sempre molto emozionanti...e quella canzone e bellissima! Ma vogliamo parlare di questi panini al contrario?! Un idea troppo carina!!! Che spettacolo questa ricetta!!!!

Cristiana ha detto...

Quanto è vero quello che dici....:)))

Alessia ha detto...

Credo fermamente in questo meccanismo. Diventiamo ciò che la vita e le esperienze vissute, le persone incontrate e le situazioni fanno di noi. Però di questo meccanismo c'è un lato perverso, che mi spaventa moltissimo. E cioè che tutte le esperienze frustranti e le persone negative, tutti gli incontri sbagliati e anche le ricette sbagliate lascino traccia. In maniera invisibile, impercettibile, o meglio, silente e che prima o poi salterà fuori..

in tutto questo però i panini al contrario sono stupendi. E anche tu, almeno da quello che si percepisce leggendoti.

baci e abbracci

dolci a ...gogo!!! ha detto...

Un idea divertente estiva e davvero coloratissima!!baci,imma

lerocherhotel ha detto...

Che bel post!
E che belli questi panini al contrario, davvero stuzzicanti

Nene di Pellegrini di Artusi ha detto...

Al di là delle foto meravigliose e dell'idea originale, mi hanno colpito molto le tue parole. Hai proprio ragione. Io ci fantastico su sempre, ad ogni bivio cerco di capire cosa "conviene", ma non lo si sa mai...

noake ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
noake ha detto...

bello il panino al contrario...bello anche quello che hai scritto, ho ripensato anch'io a quelle piccole cose che però hanno segnato la mia vita..baci

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

TAGS

dolci cioccolato buffet fingerfood eventi light torte biscotti oggi non si mangia primi piatti emozioni formaggi verdura dolci al cucchiaio me antipasti pesce piatti unici natale colazione ricotta crostate cucina internazionale panna contest estate merende shopping uvetta vegetariano carne piatti freschi glassa pane pensieri sfizi caffè lievitati limone pomodoro recensioni ricette al forno nocciole umbria zucchine agrumi cipolla confort food formaggio mandorle pasta di zucchero pistacchio ristoranti brunch frutta gnocchi home made insalate merenda noci pranzi secondi senza burro Kenwood Chef Cooking arancia autunno basilico caramello crudo cucina regionale gelato meme mousse pasta pinoli piselli primavera zenzero zucca bicchierini burro cene condimenti creme etsy marmellata melanzane miele semifreddi trasferte Terni bloggheanno carote cioccolato bianco contorni crema fritto giveaway happy hour icone idee golose da regalare meringa piccola pasticceria sfoglia siti solidarietà speck spuntini the birthday party project torte salate verza zuppe Instagram Santin Torino agrodolce broccoli cacao cannella carpaccio collaborazioni conserve creme brulee dieta proteica fave feste finocchio fiori di zucca mandarini martedi della moda mele olio olive out topic pasqua pasta fresca ricette base risotti viaggi vini wish list Abruzzo Germania Molise calcio cheesecake cupcakes fragole gratin liquore Strega maionese menta moda orrore pasta ripiena pasticceria peperoni porro raccolte salse torte decorate torte per bambini yogurt Berlino Gaeta Genuino Clandestino Gli Ingredienti Segreti dell'Amore Handmade Identità Golose Juve Mercato Brado Milano Monaco di Baviera Narì bed&breakfast Narì ristorante Paste di Meliga Roma San Valentino Secondi piatti Swiss Cheese Parade Zafferano Zafferano di Cascia amref anatra baccalà bignè biscotti energetici biscotti. meme burro di arachidi burro di noccioline carne cruda castagne cavolfiore cena in bianco di torino cereali charli cheesecake fredda cheesecake senza cottura chef cime di rapa composte cucina cinese cucina orientale cucina sana dai peso al natale davide scabin dior download eataly foie gras fois gras francesco apreda gianduia gorgonzola guanciale healthy healthy food iniziative inverno jovanotti kitchenaid la granda la tramontina lasagne legumi lime luca montersino macarons mangiare a Gaeta mangiare a Torino mangiare a Vasto marco stabile mollica molluschi mozzarella di bufala musica nutella pancakes pasta brisè pasta fillo patate patate viola pere piemonte pink pizza pollo premi quiche quiche alsacienne quiche lorraine quiche vosgienne radicchio remoulade remoulade di sedano rapa riso rosso roma food and wine festival rosa cipria rosmarino roveja salsa bernese salutiamoci sedano rapa semi di girasole semi di zucca sesamo spinaci street food tartufo the hummingbird bakery torrone torta alla nutella torta skate vapore vongole
Con un Poco di Zucchero
tutti i diritti riservati - vietata la riproduzione anche parziale