mercoledì 6 aprile 2011

Domani è gia qui, da due anni..



Sono passati due anni. In questi due anni c'è stato posto per tante cose: per il senso di impotenza, per la disperazione, per il dolore, per la rabbia, per le polemiche. C'è stato, persino, qualcuno che ha trovato posto e modo per ridere. Ma la cosa importante è che c'è qualcuno che ha delle responsabilità, responsabilità gravi, che non possono essere ignorate. Nella casa dello studente fatta con la sabbia potevo esserci anche io, pur non essendoci mai stata, c'erano ragazzi come me che invece di tornare a casa per Pasqua erano rimasti per studiare, sapete, gli esami... Come potevano sapere che quei muri erano destinati a crollare, loro. Loro. C'era qualcuno che lo sapeva, pero', qualcuno che lo sapeva e non ha fatto niente. Sono passati due anni, ma appena i riflettori del circo mediatico messo su dal premier in occasione del G8, si sono spenti, l'Aquila è stata abbandonata. Guardate qui e vedete se riuscite a trovare qualche differenza, se non minima, tra il 2009 e il 2011. Non sono arrivati nemmeno i soldi promessi dai potenti del mondo. 37mila persone sono ancora senza casa, solo 20 negozi sono aperti nel centro storico (nonostante ne dica la Dalla Chiesa...). Come ci siamo ridotti in questo Stato? L'Aquila, cosi' come 7 anni prima San Giuliano di Puglia, dimostra come anche le vite dei nostri figli in questo paese passino in secondo piano di fronte alla possibilità di guadagnare soldi. Avete costruito male, con la sabbia, edifici fatiscenti e cosa ci avete messo dentro? Una casa dello studente,una scuola elementare, un ospedale. Avete le mani sporche, la vostra coscienza dovrebbe impedirvi persino di respirare, figuriamoci di guardarvi allo specchio e di dormire la notte. E anche oggi se ne parlerà di sfuggita, ci sono imputati piu' illustri da celebrare... ma c'è una parte di Italia che non vi dimentica, che non rideva e che si impegnerà affinchè sia fatta giustizia. Perchè nella casa dello studente fatta con la sabbia, potevamo esserci tutti noi.



11 commenti:

Lia ha detto...

Stamattina ho proprio quella strana sensazione...il terremoto ha colpito e l'uomo nè prima nè dopo ha fatto nulla.
Ieri pensavo al Giappone, in sei giorni hanno ricostruito un'autostrada, certo anche loro non sono tutta questa meraviglia del creato a gestire la questione nucleare, ma almeno hanno ricominciato a costruire subito...mi chiedo sempre se fosse successa la stessa cosa in Italia, saremmo 60 milioni di morti.Tristemente vero.

Trattoria da Martina ha detto...

Ti ringrazio tantissimo per questo post. Io non sono abruzzese, sono marchigiana di origine, però l'Italia è un paese sismico e quello che è successo all'Aquila potrebeb suggedere a qualunque altra regione. Ti ringrazio perchè hai na coscienza civile, perchè ti sei ricordata degli acquilani, perchè se ognuno di noi si impegna con un piccolo gesto questo mondo ingiusto magari si può cambiare

Saretta ha detto...

Cara benedetta, vorrei dire tante cose ma, preferisco sottoscrivere quello che hai già detto tu.La speranza poi è l'ultima a morire..
Un abbraccio

fantasie ha detto...

Come hai ragione... siamo ancora tutti sconvolti, ma ancora non si muove niente...

Cleare ha detto...

Io quella notte del terremoto ho avuto paura tanta. Paura perchè li all'Aquila c'era tanta gente che conoscevo e che per fortuna son tutti salvi ma che han ancora oggi gli incubi, paura perchè ho pensato che potesse succedere anche qui, paura perchè sapevo che l'Italia nn la smetterà mai di tremare. A san Giuliano il paese è stato ricostruito..peccato che già prima ci abitasse poca gente che non ha aspettato ed oar c'è un paese nuovo ma fantasma..han aggiustato anche case che eran danneggiate prima del terremoto, che ran danneggiate dall'84. Ecco come usiamo i soldi in Italia.
E all'Aquila c'è una città col cuore spezzato ma che va avanti con forza. C'è tanta gente ancora negli alberghi sul mare..questo anche perchè nn si son voluti costruire da zero paese interamente distrutti..ecco sarebbe costato di meno e forse ora avrebbero una casa..si non la loro casa ma una casa in quella terra che loro amano. Ci son anziani che nn vedranno più il loro paese e bambini che nn cresceranno correndo tra i vicoli..e tutto questo perchè nn si è saputo gestire l'ennessima emergenza italiana. E tutto è caduto nell'oblio..questa è la cosa sconvolgente. Ad ogni nuova emergenza quella vecchia per quanto più grave sia viene accantonata e questa è colpa anche nostra..forse ci fa comodo lamentarci e nn fare ninete, forse ci fa comodo dimenticare..

Benedetta ha detto...

Ragazze, prima di tutto grazie, grazie per i commenti! E' triste vedere come nel blog roll oggi non se ne parli per niente..
Io di terremoti ne ho vissuti tanti, qui in Umbria nel 97, ero a Campobasso quando ci fu la scossa a San Giuliano, e la mia città è a 60km in linea d'aria da L'Aquila. Anche io ho avuto paura, poi io sono terrorizzata dal terremoto, anche dalle scosse piccole..figuratevi quella notte, lunga e fortissima..E' vero, tanti paesi sono stati cancellati: Onna, Paganica, Tempera.. perchè non si poteva ricostruire li' con tecnologie antisismiche? Perchè nascondersi dietro a un secco "la casa ve l'abbiamo data", come se non si potesse pretendere di scegliere come ricostruire la propria vita? io ci voglio andare. E vi segnalo che il 7 maggio le donne aquilane hanno organizzato un incontro per far vedere a tutti coloro che vogliono andare, la situazione reale dell'Aquila.

Ginestra ha detto...

Io ho perso tante persone care nel terremoto di Gibellina, non è rimasto nulla del paese, è stato ricostruito orrendamente e tanti ma tanti hanno lucrato alla grande su questa tragedia.... credo che all'Aquila come nel resto d'Italia la situazione non cambi, non viviamo in una repubblica ma in una specie di squallida oligarchia e ce ne rendiamo conto troppo tardi... chi controlla dove vanno a finire i soldi? Tempo fa ho sentito le proteste della Mannoia e della Nannini, hanno devoluto i soldi raccolti con il loro megaconcerto e non hanno capito neanche loro che fine abbiano fatto! La solita merda! Scusami Benedetta ma quando ce vò ce vò!

piccoLINA ha detto...

Ho i brividi a ripensare a quel che e' successo 2 anni fa!!!!
Ho appena condiviso anch'io questo video.
Un abbraccio!

Acquolina ha detto...

fai bene a parlarne, sembra che sia tutto a posto perché non se ne parla più ma non è così.

Le ricette dell'Amore Vero ha detto...

ho ricordato anch'io la tragedia su fb... bisogna che lo stato faccia ancora molto per l'abruzzo! purtroppo la situazione è ancora disastrosa...

Cranberry ha detto...

Io sono una studentessa Aquilana, e ho tutti mieiamici lì, io ero una fuori sede, quindi la mia casa e i miei cari erano lntani, quella notte.
Ma in 12 anni che ho vissuto a l?aquila ho amato quella città e tante persone ce quella città mi ha fatto conoscere. Ci sono state cose fatte bene e cose fatte male, si sà, spero cmq che in futuro non si dimentichi del tutto che il problema non è risolto!
un bacione a te ai miei amici aquilani

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

TAGS

dolci cioccolato buffet fingerfood eventi light torte oggi non si mangia biscotti primi piatti emozioni formaggi verdura me antipasti dolci al cucchiaio pesce natale piatti unici ricotta colazione cucina internazionale panna crostate estate shopping uvetta carne contest merende piatti freschi vegetariano glassa pane pensieri sfizi caffè lievitati limone pomodoro recensioni ricette nocciole zucchine agrumi al forno cipolla pasta di zucchero ristoranti umbria brunch formaggio frutta gnocchi insalate mandorle noci pranzi secondi Kenwood Chef Cooking arancia basilico caramello confort food crudo gelato meme pasta pinoli piselli pistacchio primavera senza burro zenzero zucca burro cene condimenti cucina regionale etsy home made melanzane merenda miele mousse semifreddi trasferte Terni autunno carote contorni creme fritto giveaway happy hour icone idee golose da regalare marmellata meringa sfoglia siti solidarietà speck spuntini the birthday party project torte salate verza Instagram Santin Torino agrodolce bicchierini bloggheanno broccoli cannella carpaccio cioccolato bianco conserve crema creme brulee fave feste finocchio fiori di zucca mandarini martedi della moda mele olive out topic pasqua pasta fresca ricette base risotti viaggi vini wish list zuppe Abruzzo Germania Molise cacao calcio collaborazioni cupcakes fragole gratin liquore Strega maionese menta moda olio orrore pasta ripiena peperoni piccola pasticceria porro raccolte salse torte decorate torte per bambini yogurt Berlino Gaeta Genuino Clandestino Gli Ingredienti Segreti dell'Amore Handmade Identità Golose Juve Mercato Brado Milano Monaco di Baviera Narì bed&breakfast Narì ristorante Paste di Meliga Roma San Valentino Secondi piatti Swiss Cheese Parade Zafferano Zafferano di Cascia anatra baccalà bignè biscotti. meme carne cruda castagne cavolfiore cena in bianco di torino cereali charli cheesecake chef cime di rapa composte cucina cinese cucina orientale davide scabin dieta proteica dior download eataly foie gras fois gras francesco apreda gianduia gorgonzola guanciale inverno jovanotti kitchenaid la granda la tramontina lasagne lime luca montersino macarons mangiare a Gaeta mangiare a Torino mangiare a Vasto marco stabile mollica molluschi mozzarella di bufala musica nutella pancakes pasta brisè pasta fillo pasticceria patate patate viola pere piemonte pink pizza pollo premi quiche quiche alsacienne quiche lorraine quiche vosgienne radicchio remoulade remoulade di sedano rapa riso rosso roma food and wine festival rosa cipria rosmarino salsa bernese salutiamoci sedano rapa semi di girasole semi di zucca sesamo spinaci street food tartufo the hummingbird bakery torrone torta alla nutella torta skate vapore vongole
Con un Poco di Zucchero
tutti i diritti riservati - vietata la riproduzione anche parziale