venerdì 17 gennaio 2014

♥ Remoulade Céleri-Rave


 Partiamo dal presupposto che, per me, il tradimento non esiste. Ho un punto di vista integralista da sempre, non parlo solo in amore, ma proprio nei rapporti umani in generale: una volta usciti dalle scuole medie, penso che tutti siano abbastanza adulti da dirsi le cose in faccia, senza farsele alle spalle. Facile? No. Maturo? Si. Senza stare troppo ad approfondire il concetto filosofico (e magari psichiatrico) che sta dietro questo pensiero, andiamo direttamente al punto: ma Hollande, ci è o ci fa? Dopo quel carciofo di Sarkò, credevo che il nuovo President, potesse solo essere migliore. In realtà, durante le loro primarie, parteggiavo ovviamente per la sua prima compagna, Segolene, pur non spiegandomi minimamente come fosse possibile che una donna come lei potesse dividere vita e attività politica con quella, per dirla con le parole di Gramellini, meringa con gli occhiali. Dopo quattro figli, finalmente si mollano e perchè? Perchè lui ha un'altra da anni, e non una sciacquetta qualsiasi, la Valèrie! E dopo due anni di ufficialità, cosa fa il nostro Francescone? La incorna, di nuovo, a sua volta, con un'attrice con la faccia da topo (pardon, de souris), vent'anni meno di lui. La poverina non regge, nonostante la famosa regola della vita che mette in guardia dal mettersi con uno che tradiva con te la sua fidanzata, nella sua profonda ingenuità di première dame innamorata (di cosa, Valèrie, ti sei innamorata? di cosa!?) , non credeva che il sogliolone potesse fare cotanto smacco anche a lei. E invece si, Valèrie, invece si, sono due anni che te la fa sotto il naso: lo scanTalo è dato dal fatto, secondo i piu' critici, che mentre lui di nascosto e in incognito andava dal souris, poteva rimanere vittima di un attentato. Mammagari, dico io. Dato che non si è nemmeno sprecato ad andare a trovarla in ospedale. C'est un comportement indécent, anche per una meringa occhialuta. 


Ma veniamo a noi e a quella che inizierà ufficialmente a chiamarsi "La Rubrica di Monica" :-). Ve la ricordate no, l'amica che mi ha insegnato le braciole alla siciliana? Preparatevi a sentirne parlare spesso, perchè ogni volta che ci invitano (mettiamoci anche Fabio, perchè pure lui è bravino :-) eh!) ho qualcosa da imparare, oltre a mangiare benissimo. L'ultima volta è stata una celebrazione del sedano rapa e questa remoulade era l'antipasto, non aevo mai pensato di usare il sedano rapa crudo ma è delizioso! Ho fatto qualche modifica rispetto alle indicazioni di Monica, ma solo per non sentirmi troppo in colpa scofandomene una ciotola intera.. se volete farla a regola d'arte, fate la maionese in casa come ha fatto lei, io ne usato solo un cucchiaio e ne ho scelta una biologica, ma "compera"! Il risultato è sorprendente e versatile: un ottimo antipasto con crostini di pane, un perfetto contorno per una carne arrosto, una base originale per ravvivare una semplice insalata di pollo. 


Remoulade di Sedano Rapa
con salsa leggera di yogurt e senape

metà sedano rapa 
mezza cipolla rossa 
un cucchiaino di capperi dissalati
un cucchiaio di maionese 
tre cucchiaini di senape
un vasetto di yogurt naturale 
dragoncello fresco
erba cipollina 
pepe bianco 
succo di un limone 
sale 



Private il sedano rapa delle radici e pulitelo con un pelapatate. Per quattro persone, ve ne basterà metà. Affettatelo sottilmente con una mandolina e poi al coltello per realizzare una julienne, mettetelo a bagno in acqua, ghiaccio e il succo di mezzo limone per renderlo croccante e non farlo annerire. Affettate con la mandolina, al velo, anche la cipolla rossa. Sciacquate i capperi e tritateli. In una boule, preparate la salsa: mescolate la maionese con la senape e lo yogurt, il succo del rimanente limone, il pepe bianco, l'erba cipollina e il dragoncello tritato (abbondate con questa erba aromatica, darà un gusto particolare!). Scolate e asciugate il sedano rapa, versatelo nella salsa con la cipolla e i capperi. Regolate di sale e pepe e lasciate riposare e insaporire per almeno un'ora nel ripiano piu' basso del frigorifero. 



4 commenti:

Anonimo ha detto...

Non avevo mai pensato di usarlo crudo! Idea fantastica!

Chiara Setti ha detto...

che fresca questa insalatina...io uso un condimento simile per il cavolo cappuccio...proverò anche con la rapa! ;-) un bacino

Giulia ha detto...

L'ho mangiata anni fa a Parigi: non avevo mai pensato di rifarla...!

Benedetta ha detto...

Grazie a tutte ragazze! a presto!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

TAGS

dolci cioccolato buffet fingerfood eventi light torte oggi non si mangia biscotti primi piatti emozioni formaggi verdura me dolci al cucchiaio antipasti pesce piatti unici natale ricotta colazione cucina internazionale panna crostate estate shopping uvetta carne contest merende piatti freschi vegetariano glassa pane pensieri sfizi caffè limone pomodoro recensioni ricette lievitati nocciole zucchine agrumi al forno cipolla pasta di zucchero ristoranti umbria brunch frutta gnocchi insalate mandorle pranzi secondi Kenwood Chef Cooking arancia basilico caramello crudo formaggio gelato meme noci pasta pinoli piselli pistacchio primavera senza burro zenzero zucca burro cene condimenti confort food cucina regionale etsy home made melanzane merenda miele mousse semifreddi trasferte Terni autunno carote creme fritto giveaway happy hour icone idee golose da regalare marmellata meringa sfoglia siti solidarietà speck spuntini the birthday party project torte salate verza Instagram Santin Torino agrodolce bicchierini bloggheanno broccoli cannella carpaccio cioccolato bianco conserve contorni crema creme brulee fave feste finocchio fiori di zucca mandarini martedi della moda mele olive out topic pasqua pasta fresca ricette base risotti viaggi vini wish list zuppe Abruzzo Germania Molise cacao calcio collaborazioni cupcakes fragole gratin liquore Strega maionese menta moda olio orrore pasta ripiena peperoni piccola pasticceria porro raccolte salse torte decorate torte per bambini yogurt Berlino Gaeta Genuino Clandestino Gli Ingredienti Segreti dell'Amore Handmade Identità Golose Juve Mercato Brado Milano Monaco di Baviera Narì bed&breakfast Narì ristorante Paste di Meliga Roma San Valentino Secondi piatti Swiss Cheese Parade Zafferano Zafferano di Cascia anatra baccalà bignè biscotti. meme carne cruda castagne cena in bianco di torino cereali charli cheesecake chef cime di rapa composte cucina cinese cucina orientale davide scabin dieta proteica dior download eataly foie gras fois gras francesco apreda gianduia guanciale jovanotti kitchenaid la granda la tramontina lasagne lime luca montersino macarons mangiare a Gaeta mangiare a Torino mangiare a Vasto marco stabile mollica molluschi mozzarella di bufala musica nutella pancakes pasta brisè pasta fillo pasticceria patate patate viola pere piemonte pink pizza pollo premi quiche quiche alsacienne quiche lorraine quiche vosgienne radicchio remoulade remoulade di sedano rapa riso rosso roma food and wine festival rosa cipria rosmarino salsa bernese salutiamoci sedano rapa semi di girasole semi di zucca sesamo spinaci street food tartufo the hummingbird bakery torrone torta alla nutella torta skate vapore vongole
Con un Poco di Zucchero
tutti i diritti riservati - vietata la riproduzione anche parziale