mercoledì 11 dicembre 2013

♥ Choux Sablè - Bignè in crosta di Pasta Sablè


Caro Babbo Natale, 
ogni tanto qualcuno prova ancora a dirmi che non esisti, ma io, da sempre ottimista&diSinistra, non mi lascio spaventare mai. Nella vita bisogna pur credere in qualcosa, no? E io preferisco di gran lunga una slitta trainata da renne volanti a qualsiasi legge di gravità. Sarà per questo che in Fisica non sono mai andata un granchè. Fatto sta che quando cominciano ad accendersi tutte queste lucine (a proposito, amico del palazzo di fronte, mai sentito parlare di "austerity"? Dai, così è troppo, anche per te.) e anche questa città che tutti criticano e tutti vogliono lasciare, sembra più bella, a me viene voglia di scriverti, come ho sempre fatto. Certo da piccola parlavamo soprattutto di Barbie e SuperMario (che restano sempre due signori argomenti, sia chiaro), ora più che altro ti scrivo per rassicurarti: qui ce la caviamo, non va proprio tutto secondo i piani (anzi diciamo quasi nulla!), ma va bene, ce la caviamo. Crescendo, ahimè, sto imparando ad accettare il cambiamento, che le cose non possono restare immutate perchè io sia piu' tranquilla, ma anzi che sono in continua evoluzione ed è meglio che me la faccia prendere bene, come si dice in gergo. Certo, la situazione è quella che è, pensare al futuro non solo non è più divertente, come quando io e la Supermum progettavamo di ristrutturare un certo casolare in campagna per farlo diventare una clinica per gatti, ma mette proprio ansia, perchè di certo non c'è davvero più nulla. E anche per noi, ottimisti&diSinistra intendo, un periodo tanto facile non è. So che mi capisci, con quel vestito rosso e la ridistribuzione della ricchezza che ti adoperi a fare ogni anno in una notte sola.. Il fatto è, caro Babbo Natale, che quando si ha paura, non si ragiona più tanto lucidamente, e noi siamo un popolo tanto strano sì, ma anche, al momento, molto spaventato, proprio da questa incertezza che si è radicata nella nostra realtà ormai da qualche anno. E siccome dalla Storia non impariamo mai nulla, siamo sempre davanti alle stesse scene, da anni, da secoli: avrai visto che l'agenda politica è dettata dal blog di un comico (eh, non quello di prima, un'altro, capito..?), il nuovo "uomo qualunque", travestito da capopopolo ed autoinnalzato a giudice supremo di tutto quel che gli capita a tiro, come se vent'anni con il mafioso ninfomane non fossero bastati. E come se non fosse ancora sufficiente, dall'altra parte c'è una nuova dc, a braccetto con qualche nostalgico di quell'altro finito appeso per i piedi e pochi altri omuncoli. Quindi forse, ora che ci penso, qualcosa per Natale lo vorrei: Enrico Berlinguer. :-) Lo so che non lo puoi fare, pero' potresti almeno mandarci qualcuno che lontanamente si avvicini a un Politico come lo era lui, che la mia generazione ha avuto modo di apprezzare solo sui libri e tramite i documentari, qualcuno che possa parlare con cognizione di causa di questione morale, che possa raccogliere finalmente la sua eredità e che possa ridarci il piacere di andare a votare per prenderci la responsabilità di chi debba effettivamente rappresentarci. Perchè il punto è questo, noi vogliamo credere in qualcuno, in qualcosa: e credimi, io di paure ne ho tantissime (dovresti vedermi davanti a una cavalletta..) ma di certo non quella di lottare e impegnarmi per i giusti ideali. Era meglio quando ti chiedevo Super Mario, lo so, però tu sei piu' grande e piu' saggio, quindi accetta il cambiamento e vivi sereno. A proposito, lavoro anche io a Natale, quindi se ti dovessi sentir male da queste parti, sentiti pure tranquillo a chiamare la Guardia Medica! Ci riesentiamo il prossimo anno, stammi bene e Buon Natale. 


Lasciamo ora a tutti gli psichiatri in ascolto il tempo di elaborare il tutto e parliamo finalmente della ricettina, che va subito nel reparto "fissazioni". Ho visto questi bignè, purtroppo solo in fotografia, su Facebook in un evento organizzato ad EatalyRoma, preparati nientepopodimenoche dal mitico Pasticcere Andrea De Bellis. Cerca e ricerca la ricetta, alla fine, come spesso mi capita ho fatto di testa mia. Faccio una sablè un po' rustica, la stendo sottile e poi la metto sul bignè e li faccio cuocere insieme. E mentre con la Supermum, stavamo con i nasi spiaccicati sul vetro del forno sussurrando "non cresceranno mai"...voilà. Non saranno certo come i suoi (tanto appena ho tempo di andare in centro a Roma, vado a testare), ma di sicuro i bignè "normali" non li faccio più. Ormai la ricetta è questa: la tradizionale della Supernonna, mai sbagliato un colpo, (indimenticabile il pomeriggio a preparare bignè per la mia festa di 18 anni, eh Nonny?Quanti ne avremo fatti, mille?Duemila?) e l'innovazione aggiunta da noi. Sennò in cucina che ci stiamo a fare.. il "cambiamento", dicevamo...! 





Choux Sablè
per circa 50 bignè in crosta di pasta sablè

per i bignè (ricetta tradizonale della Supernonna): 
250ml di acqua
75g di burro
125g di farina
4 uova 

per la sablè (ricetta improvvisata ma perfetta allo scopo):
1 tuorlo
60g di burro
80g di zucchero di canna
20g di zucchero semolato
mezzo cucchiaino di lievito per dolci
120g di farina
un pizzico di sale 

per la finitura: 
zucchero a velo 
500ml di panna fresca
una bacca di vaniglia 





Iniziamo preparando la pasta sablè: mescoliamo la farina con il lievito, i due tipi di zucchero e il sale. Aggiungiamo il tuorlo e il burro e impastiamo velocemente, aggiungendo un cucchiaio di acqua o latte se il composto dovesse tardare a legarsi. Stendiamo la sable tra due fogli di carta forno il piu' sottile possibile, massimo due millimetri, e lasciamola riposare in frigorifero per almeno un'ora.
Passiamo alla pate à choux. Metodo Tradizionale: portare l'acqua ad ebollizione con il burro, versare la farina in un sol colpo e mescolare velocemente. Far cuocere il composto per circa 15-20 minuti, rimestando continuamente finchè il composto, liscio ed omogeneo, si staccherà dalle pareti della casseruola. Togliere dal fuoco, lasciar intiepidire, ed aggiungere un uovo alla volta, attendendo che il primo sia assorbito completamente prima di procedere con il successivo.
Metodo KenwoodCookingChef: mettere nella ciotola acqua e burro e portare alla temperatura massima, spatola antiaderente vel.3 (c). Quando bolle, aggiungere la farina in un sol colpo e portare la temperatura a 0°, sempre mescolando. Quando la temperatura sarà 60-70°, aggiungere un uovo alla volta. 




Mettere il composto in una sac a poche con bocchetta liscia e lasciarlo riposare circa mezz'ora in frigorifero. Accendiamo il forno, statico, a 190°. Prepariamo una placca rivestita di carta forno e formiamo tanti piccoli choux, lasciando un po' di spazio tra uno e l'altro. Ricavare dalla sablè dei dischi pochi millimetri piu' piccoli del diametro degli choux preparati e poggiarli delicatamente sulla sommità del bignè: infornare subito e godersi lo spettacolo in forno! Lasciate cuocere circa venti minuti, ma controllateli perchè dipende come sempre dal vostro forno. Lasciateli raffreddare e farciteli come preferite: credo siano stupendi con una crema diplomatica (o crema chantilly, crema e panna per capirci!) ma io ho optato per una vera Chantilly (che per i francesi e solo panna montata con poco zucchero) alla Vaniglia. Non dimenticate una spolverata di zucchero a velo prima di servire. 


10 commenti:

Nicol - Col kitchen and photos ha detto...

sono SPETTACOLARI.
no, di più!
solo a vederli mi sembra di sentirne il profumo e la crosticina...
appena avrò un po' di tempo libero ci proverò, per forza!!
complimentoni

Memole ha detto...

Golosissimi!!!

Benedetta ha detto...

@nicol, provali, davvero! Io senza crosticina non li faccio più, giuro!

@memole, si, mi sono piaciuti un sacco!

Paola ha detto...

Posso aggiungere anche il mio nome alla tua letterina? Magari se facciamo numero ci ascolta :)
Purtroppo anche il mio ottimismo si è andato a frantumare di fronte a un contratto che doveva partire a dicembre e invece è da settembre che vado avanti senza contratto, scendendo almeno una volta a settimana nel Cilento e con lo spauracchio che mi ci dovrò trasferire per qualche mese, a mie spese, e senza contratto. E questo sarebbe il mio lavoro, che poi la reale fonte di guadagno è uno studio di nutrizione a cui dedico ore, giornate, anima e cuore, ma che per forza di cause maggiori, ovvero l'assenza di contratto che non mi da nemmeno il tempo di respirare tanti sono gli incarichi affibbiatimi, sta precipitando :( Unica consolazione è la cucina e sperimentare e osservare le vostre meravigliose creazioni. Lì mi faccio coraggio e mi butto, ci provo ad affrontare gli spauracchi. Ho visto una ricetta simile su Dolce di Ladurée e decisi a suo tempo di provarla, ma, dopo aver comprato tutto il materiale, ci rinunciai.. Dici che sia arrivato il momento di affrontare questo altro spauracchio? :)

Silvia Pesce ha detto...

Che belli! io avevo provato a farli ma erano uscite dell sottilette.. mi sa che avevo sbagliato qualcosa :) complimenti davvero, devo essere fantastici!
un bacione e buona serata.
Silvia

Benedetta ha detto...

@Paola, grazie di cuorissimo per aver letto il post! :-) e affrontiamoli sti spauracchi, almeno in cucina...! Io so di mese in mese se quello successivo lavorerò..e di sicuro non è quello che volevo fare. Ma questo c'è e questo si prende. In bocca al lupo, per tutto!

@silvia, riprova! Prenditi un pomeriggio :-)

Valentina Mini bonbons ha detto...

meravigliosi è dire poco!!!

panelibrietnuvole ha detto...

Ciao Benedetta, ti ho trovata per caso e mi piace molto il tuo blog! A partire dalla grafica, che d'impatto mi ha fatto sentire in sintonia con te. Poi ho letto questo post, e l'empatia è aumentata. Come non darti ragione su tutto? E anche io, tra l'altro, sono una che preferirebbe stare saldamente attaccata alla abitudini e trema al pensiero dei cambiamenti...hai voglia a dire a me stessa che il cambiamento è un bene e porta nuove opportunità...prevale sempre la fifa! ;-)
Complimenti anche per questa ricetta, davvero sfiziosa e originale, mi piacerebbe provarla prima o poi...mi fa troppa gola!
A presto,
Alice

Luisa Piva ha detto...

no beh.. senza parole..
ti rendi conto di quanto spettacolari sono vero?
mamma ceh buoni
tanti auguri di buona fine ed un meraviglioso inizio
baci

Giorgia ha detto...

Cara Benedetta, a malincuore mi devo aggiungere anch'io ai firmatari della tua letterina... guarda caso mi sono sempre definita ottimista&di sinistra anch'io, ma tra comici, rottamatori da rottamare e pervertiti inizio ad essere un po' pessimista. e dire che ho resistito per 33 anni (nell'essere ottimista, di sinistra qualche anno in meno, che da bambina fortunatamente non sapevo nemmeno cosa fosse la politica)...
La fuga mi tenta sempre parecchio, ma poi penso che se facessimo tutti così sarebbe un disastro (ma peggio di questo cosa c'è?)
Va beh, parliamo di cose leggere e piacevoli, cheèmmeglio (quattrocchi docet): spettacolari questi choux, mai nemmeno pensato di poter abbinare l'impasto ad una sablè. Proverò magari con una crema diplomatica, così da riuscire a mangiarne molti di più :)
Dimenticavo, grazie per avermi fatto conoscere Perle di Cotone, che adesso è nella mia blogroll!
Buon anno, che il 2014 ti permetta di realizzare i tuoi progetti, e anche un po' di sogni! Un abbraccio

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

TAGS

dolci cioccolato buffet fingerfood eventi light torte oggi non si mangia biscotti primi piatti emozioni formaggi verdura me antipasti dolci al cucchiaio pesce natale piatti unici ricotta colazione cucina internazionale panna crostate estate shopping uvetta carne contest merende piatti freschi vegetariano glassa pane pensieri sfizi caffè lievitati limone pomodoro recensioni ricette nocciole zucchine agrumi al forno cipolla pasta di zucchero ristoranti umbria brunch formaggio frutta gnocchi insalate mandorle noci pranzi secondi Kenwood Chef Cooking arancia basilico caramello confort food crudo gelato meme pasta pinoli piselli pistacchio primavera senza burro zenzero zucca burro cene condimenti cucina regionale etsy home made melanzane merenda miele mousse semifreddi trasferte Terni autunno carote contorni creme fritto giveaway happy hour icone idee golose da regalare marmellata meringa sfoglia siti solidarietà speck spuntini the birthday party project torte salate verza Instagram Santin Torino agrodolce bicchierini bloggheanno broccoli cannella carpaccio cioccolato bianco conserve crema creme brulee fave feste finocchio fiori di zucca mandarini martedi della moda mele olive out topic pasqua pasta fresca ricette base risotti viaggi vini wish list zuppe Abruzzo Germania Molise cacao calcio collaborazioni cupcakes fragole gratin liquore Strega maionese menta moda olio orrore pasta ripiena peperoni piccola pasticceria porro raccolte salse torte decorate torte per bambini yogurt Berlino Gaeta Genuino Clandestino Gli Ingredienti Segreti dell'Amore Handmade Identità Golose Juve Mercato Brado Milano Monaco di Baviera Narì bed&breakfast Narì ristorante Paste di Meliga Roma San Valentino Secondi piatti Swiss Cheese Parade Zafferano Zafferano di Cascia anatra baccalà bignè biscotti. meme carne cruda castagne cavolfiore cena in bianco di torino cereali charli cheesecake chef cime di rapa composte cucina cinese cucina orientale davide scabin dieta proteica dior download eataly foie gras fois gras francesco apreda gianduia gorgonzola guanciale inverno jovanotti kitchenaid la granda la tramontina lasagne lime luca montersino macarons mangiare a Gaeta mangiare a Torino mangiare a Vasto marco stabile mollica molluschi mozzarella di bufala musica nutella pancakes pasta brisè pasta fillo pasticceria patate patate viola pere piemonte pink pizza pollo premi quiche quiche alsacienne quiche lorraine quiche vosgienne radicchio remoulade remoulade di sedano rapa riso rosso roma food and wine festival rosa cipria rosmarino salsa bernese salutiamoci sedano rapa semi di girasole semi di zucca sesamo spinaci street food tartufo the hummingbird bakery torrone torta alla nutella torta skate vapore vongole
Con un Poco di Zucchero
tutti i diritti riservati - vietata la riproduzione anche parziale