♥ Wrapping Cecina (e il MercatoBrado)


Mi sono quasi emozionata quando ho cliccato finalmente su Nuovo Post. Ho ricordato di colpo quanto ami questo blog, quanto sia bello scriverci e quanto sia grata a tutti voi per il fatto che passiate da queste parti, anche quando io stessa me ne dimentico per un po'. La prima cosa da dire, quindi, prima di ricominciare, è grazie. Infondo è davvero un po' come ricominciare, non che in questi mesi sia successo qualcosa di grande, di eclatante o di particolare, mi è solo capitato di fare un po' di conti con me stessa, di capire che qualche limite ce l'ho e che devo semplicemente accettare che sono fatta per altre "dimensioni". A parte l'impatto iniziale con l'essere ancor meno "figa" (psicologicamente, eh!) di quello che credessi, sia stato abbastanza duro, è bastato accettarlo per riprogrammarmi e stare meglio. Di certo, senza il mio Lui, la Supermum e i miei amici Carlotta e Simone, i tre giorni in cui tutto ciò è venuto improvvisamente a galla, sarebbero stati probabilmente molto piu' drammatici. Ma sono una ragazza molto fortunata, e della mia vita fanno parte persone uniche e meravigliose come loro  . Catarsi a parte, la voglia di cucinare non è mancata, ma le occasioni si: se poi ci mettete che ad Agosto, mentre voi sarete spaparanzati al sole, io lavorerò (finalmente retribuita! yuppi!), non vi stupite se dovessi latitare di nuovo. Ho pero' in cantiere un paio di cose da farvi vedere, la prima, piu' importante, è questa per me nuovissima ricetta, che ha una storia che a me piace moltissimo..


Da qualche mese ho conosciuto, infatti, una nuova bellissima realtà, Quella del Mercato Brado. Ragazzi quasi tutti più o meno della mia età, che ad un certo punto hanno deciso che la città non era piu' il luogo dove volevano vivere. E come sta accadendo sempre più spesso nel nostro Bel Paese, hanno traslocato verso la campagna. "..per l'armonia, il silenzio, gli odori caratteristici e i tempi dettati dalle stagioni e dal sole. Siamo donne e uomini che hanno scelto le campagne per viverle, per rispettarne le caratteristiche, per conoscere e preservarne le biodiversità, le culture e le storie, per ridar loro voce. Abbiamo scelto le campagne per lavorarci, per trasformare impegno e sudore in prodotti genuini, per gestire il tempo del lavoro e quello delle passioni e dei piaceri, così da poter offrire a noi stessi e a chi ci vuole conoscere sapori persi, manualità dimenticate, saperi abbandonati.". 
Mercato Brado fa parte di un progetto più ampio, "coordinato" a livello nazionale dalla campagna Genuino Clandestino: un gruppo, anche molto vasto, di agricoltori, pastori. allevatori e artigiani che si sono ribellati alle logiche consumistiche del mercato agroalimentare, tagliandosi di fatto fuori da un tipo di commercio esecrabile e poco etico per crearne uno nuovo, concreto e, appunto, genuino. Dal loro manifesto: 
"Decine di coltivatori, allevatori, pastori e artigiani si uniscono nell’attacco alle logiche economiche e alle regole di mercato cucite sull’agroindustria, per difendere la libera lavorazione dei prodotti, l’agricoltura contadina, l’immenso patrimonio di saperi e sapori della terra.Da questa rete nasce la campagna “Genuino Clandestino”, con donne e uomini da ogni parte d’Italia che si auto-organizzano in nuove forme di resistenza contadina. Mentre la burocrazia bandisce dal mercato migliaia di piccoli produttori, il consumatore continua a subire, spesso inconsapevolmente, modelli di produzione del tutto inadeguati a garantire genuinità ed affidabilità dei cibi.Attraverso il lavoro, le situazioni e le voci dei contadini “clandestini”,viviamo questa campagna, semplice nel suo messaggio, ma determinata nelle sue forme, insieme alle implicazioni in materia di democrazia del cibo, sviluppo economico, salvaguardia dell’ambiente e accesso alla terra."


Sul sito Genuino Clandestino i riferimenti per trovare gli agricoltori e gli allevatori della vostra zona che aderiscono al progetto. Di certo se il supermecato con i suoi banchi sempre pieni e i peperoni a Gennaio è il vostro ideale, forse no, non è ciò che fa per voi. Se pensate di non avere tempo per andare a cercare queste realtà, che molto piu' comodo aprire una busta presa dal congelatore della quale non sapete niente, forse non è ciò che fa per voi. O forse si: forse basta che stasera, dopo aver preparato la cena per la vostra famiglia, diate uno sguardo all'etichetta degli ingredienti, magari mentre al tg passa un altro servizio sulla contraffazione dei principali marchi biologici. Magari allora una ricerca su Google si può fare, e magari questo fine settimana si può anche fare una capatina in uno di questi posti... per passare da "cosumisti a consumatori", più consapevoli. Potrete incontrare, conoscere e parlare con chi dedica la propria giornata alla coltivazione e alla preparazione di quello che mangerete, visitare le aziende agricole, vedere come lavorano, e imparare. Qui si organizza un mercato ogni ultima domenica del mese: (per chi fosse della zona, il 28 Luglio al Cimarelli) ci si incontra, si assaggia, si conoscono nuovi cibi e si imparano nuove ricette. Che cosa si può volere di più? 


Intendiamoci, io al supermercato ci vado eh, ma con uno spirito molto diverso da prima: intanto leggo le etichette, e la maggior parte delle volte rimetto il prodotto dove l'ho preso. La strada per diventare consumatori consapevoli, sopratutto in tempi di crisi, è non è lunga e non semplice da seguire, per questo bisogna circondarsi delle persone giuste ed essere sempre open-minded. Io ho ancora moltissimo da imparare, ma l'ultima volta ho imparato questa ricetta, alla quale ho fatto solo un paio di modifiche, rendendola wrapping ma solo per stupide deformazioni professionali da blogger! 


Wrapping Cecina 
alle zucchine, caprino e paprika dolce, con i datterini del terrazzo

ingredienti per due persone (tre cecine) 
un bicchiere di farina di ceci
un bicchiere d'acqua 
erbe del terrazzo (per me basilico, dragoncello, timo, erba cipollina, rosmarino, menta) 
sale
pepe
olio evo
due zucchine 
50-60g di formaggio caprino cremoso
50g di primosale o altro formaggio morbido (consiglio un brie!)
20g di pinoli tostati
paprika dolce 
pomodori per accompagnare 

In una boule versate la farina di ceci, aggiungete un bel pizzico di sale e una macinata di pepe. Tritate le erbe aromatiche (sempre meglio il coltello in ceramica che non ne altera il profumo e il sapore) e aggingetele alla farina. Versate l'acqua poco alla volta, mescolando con una frusta a mano per ottenere una pastella fluida e omogenea.. Scaldate una padella antiaderente con un filo d'olio (io l'ho unta leggermente usando la carta assorbente) versate un mestolo di pastella e ruotatela per distribuirla uniformemente, come per fare una crepe. Lasciate cuocere per qualche istante, poi iniziate a staccare i bordi con un spatolina, giratela delicatamente e lasciate cuocere l'altro lato: dovranno prendere colore, ma rimanere morbide. Mettete le cecine in un piatto intervallate da carta forno o carta assorbente e lasciatele pure riposare mentre preparate il ripieno. Grattugiate le zucchine con un grattugia a fori larghi, rosolatele in padella con un cucchiaio d'olio, regolate di sale e pepe e aggiungete eventualmente poca acqua per portarle a cottura. Lasciate raffreddare, aggiungete basilico fresco, i pinoli e il caprino, amalgamando bene l'impasto. Stendetene un po' su ogni cecina, completate con il formaggio a pezzetti  e arrotolatele. Lssciatele riposare un po' in frigorifero, poi tagliatele a tocchetti e servitele con un'insalata di pomodori e basilico. 

  • sono ottime fredde, quindi potete prepararle in anticipo e tirarle fuori, che ne so, al momento dell'aperitivo? O dalla BentoBox a lavoro? O dalla borsa termica in Spiaggia? 
  • sono perfette per la dieta proteica! La farina di Ceci è una fantastica fonte di proteine e rende la ricetta superlight!
  • ho una mezza idea (ispirata da una paziente, devo ammetterlo!) di provarla dolce...con del cioccolato fondente e la vaniglia al posto delle erbe aromatiche. Vi farà sapere! 
  • E' anche una ricetta vegetariana: nella versione originale, al posto del caprino c'era panna di soia, ed era ottima lo stesso. Ed ecco che diventa addirittura vegana! 


Parleremo ancora del Mercato Brado, spero di riuscire a mostrarvi qualcosa del mercato di domenica prossima così da presentarvi anche qualcuna di queste aziende, e se siete in zona...o progettate di venire in Umbria, l'estate è sicuramente il periodo più bello..! 

Commenti

Unknown ha detto…
che bello questo post... così ottimista, brillante.. sembra la rinascita, la riscoperta dopo il buio..
la ricetta la adoro, ma soprattutto le cose che scrivi.. che pensi..
Per lavoro, ma soprattutto per scelta di vita, tutti i giorni insisto sull'importanza di questo famoso acquisto consapevole.. per sapere cosa acquistiamo, cosa mangiamo, cosa diamo da mangiare alla nostra famiglia..
brava!
complimenti
Luisa
Saretta ha detto…
Io sono super latitante ma al mio salottino deserto ci tengo sempre!Come alle persone che sguo da una vita come te bella dottora!
Ricetta che piace taaanto a Saretta;)
Baciottiiii
Luca and Sabrina ha detto…
Sempre bello leggerti, a noi piacciono le persone che sanno mettersi in discussione e che non mollano mai, nonostante il poco tempo, il lavoro, i problemi.
Le tue cecine farcite sono una proposta non solo estiva, ma anche leggera e squisitamente golosa. La versione dolce attira anche noi, la aspettiamo nella tua cucina!
Bacioni da Sabrina&Luca
Simo ha detto…
che piattino super accattivante ed appetitoso...visto a quest'ora poi!!!!!!!!!!
Un abbraccio e buon fine settimana
Famedimoda ha detto…
I momenti di "trapasso" ci sono per tutti! Questa ricetta estiva e appetitosa esprime la tua vitalità e fa venire i languorini notturni a chi la legge :)
Rimanere in cinta ha detto…
Mi piace trovare ricette di questo genere, sono vegetariana e adoro le ricette che non contengano carne,poi una ricetta cosi semplice non può mancare nel mio ricettario di cucina.Baci
resy ha detto…
Bellissimo post, poi per una tosco-sicula come me la farina di ceci può dar vita a delle vere tradizionali prelibatezze. Ho cercato sul sito "genuino clandestino" le piazze romane ed umbre dove poter acquistare i prodotti ma non le ho trovate. Dovrò fare una ricerca più accurata.Un abbraccio
Cuoca Pasticciona ha detto…
Un wrapping gustoso e saporito!! Mi unisco ai tuoi lettori e vado a dare un'occhiata in giro, ho già visto molte cose interessanti, ne approfitto anche per farti i complimenti per la bellissima grafica e le bellissime foto. Se ti va di scambiare quattro chiacchere, ti aspetto anche da me :)
http://ledeliziedelmulino.blogspot.it/
ristoranti roma ha detto…
sembra delizioso.Grazie per questa ricetta
http://restaau.it/Search/City/ristoranti-roma.html

Post più popolari