venerdì 20 novembre 2009

Torino: tre-giorni veramente...del CAVOLO! (parte1)


Prima comunicazione ufficiale: Torino è la mia città preferita. Le sono bastati 6 giorni, precisamente 3 giorni della prima visita, risalente a circa due anni fa, e tre giorni del cavolo :-) per scalzare Parigi dal primo posto e prendersi prepotentemente il primato. Vi sembra poco? Piccolo preambolo: io per Parigi ho una vera e propria venerazione, non ho ancora visto mezzo mondo ma Parigi la so a memoria, 6 volte negli ultimi 10 anni, studio dettagliato di piante e mappe (tanto da conoscere anche le stazioni Metrò!), fotografie appese in camera e piccole tour eiffel sparse per casa. Una vera ossessione, tanto che avevo gia' scelto la casa dove andare a vivere, fin dalla seconda volta. E quando guardo le case vuol dire una sola cosa: è amore. Appena spunta la Tour, mi esce sempre un urletto di meraviglia. Quando martedi' sera ho rivisto la Mole avvolta nel buio, non sono proprio riuscita a trattenermi. Quindi, cari i miei torinesi, rassegnatevi ad avermi tra i piedi: prima o poi, vivro' li' anche io, è una promessa (o una minaccia!:-) ).

Ma andiamo con ordine...

Io e la Supermum, siamo partite da qui alle 14 di martedi'. Anche l'altra volta ero venuta su in macchina, ma non so perchè (forse due anni fa ero piu' giovane!!!) questa volta mi è sembrata mooolto lunga. In realta' non ci abbiamo messo nè piu' nè meno delle 6 ore previste, una volta a Torino poi il navigatore ha smesso di collaborare (come se avesse mai iniziato..."fuori rotta" credo siano le uniche parole che gli hanno insegnato!) e non si sa dove ci ha mandato. Per fortuna i torinesi sono gentili, e nel momento di disperazione ci hanno detto come fare inversione su corso vittorio emanuele (a proposito, ma non era solo a roma che quando il semaforo diventa verde si mettono tutti a suonare come pazzi?:-) ). Insomma alla fine troviamo l'albergo (unica nota stonata dei tre giorni, non andateci maimaimaimai), litigo praticamente subito con l'omino alla reception che è stato molto scortese, parcheggiamo e prendiamo un taxi per andare a cena dove avevamo sapientemente gia' prenotato (della serie:nonsiamaicherestiamosenzamangiare!). Destinazione: Magorabin. La cena da Marcello Trentini merita un post a parte, prossimamente su questi schermi. Solo due parole: cena meravigliosa, vi diro' di piu'. La mattina dopo studiamo la strada per raggiungere il lingotto. Le prime persone che ho conosciuto sono state Graziella e Fabio, nel bar di Eataly abbiamo raggiunto Sigrid e tutti gli altri del gruppo. Ringrazio fin da subito Elisa, Silvia e le loro colleghe di Eataly, che sono state con noi gentilissime e pazienti. Siamo saliti tutti nella stanza dei duecento, al piano superiore, dove c'è una cucina strepitosa e dove ci aspettavano gli ingredienti e le attrezzature.


Maglietta, grembiule e cappellino e siamo tutti pronti per essere assegnati ad una delle ricette a base di cavolo che si potranno gustare la sera nei ristorantini di Eataly: da quel momento io e Sandra iniziamo a preparare la ricetta vegetariana "Cavoletti di Bruxelles, mele caramellate, pinoli e pecorino" (abbiamo vinto il premio qualita'!) La Supermum si dedica invece alla "Lasagna di cavolo verza, taleggio, pecorino e salvia", insieme a Graziella e la mitica Anna. Agli altri tavoli, per le altre "cavolate": Marie, Katia e Barbara si dedicavano alla "pizza broccoletto, gorgonzola e vongole" aiutando anche Matteo, il fotografo, a preparare i "crostini con Crema di cavolo rosso e cumino, crema di cavoletti e colatura di alici, crema di cavolfiore zafferano e uvette" per la birreria, tra una bellissima foto e l'altra (c'era anche Silvia impegnata a fotografare le nostre mosse, guardate il suo blog!); Fabio, Cinzia e Arianna (tra l'altro i vincitori della serata!) hanno preparato i "fish cakes di baccala' con purea di cavoletto e nocciole"; Isabella,Daniela, e Eleonora si sono classificate seconde con un meraviglioso "hamburger di carne de La Granda con insalata di cavolo cappuccio" ; Carlotta, Rossella e Maddalena erano al ristorantino Salumi&Formaggi e servivano lo "sformatino di cavolfiore con fonduta cacio e pepe e pancetta croccante". Ecco qualche foto:

Inizio dalla ricetta mia e di Sandra...!

i cavoletti...


il miele, le mele i pinoli...

le mele caramellate e Sandra...



la nostra insalata finita...


La preparazione della lasagna...



Gli ingredienti della pizza...


E quelli del Pesce...




...e quelli della carne...






La mattina è stata davvero divertente, cucinare in compagnia, poi in una cucina come quella, con quella attrezzatura e con quella atmosfera rilassata e di festa, come se fossimo tutti professionisti (ahahaha!) è stato veramente piacevolissimo. Come ha scritto oggi Marie in una mail, è riduttivo rispondere alla domanda "com'è andata, che avete fatto?" con "abbiamo cucinato", perchè non esprime la bellissima giornata che è stata. Abbiamo avuto un paio d'ore per gironzolare in Eataly e ordinare un quantitativo di carne imbarazzante (ma anche per gli acquisti ci deve essere un capitolo a parte..) e poi alle 18.45 vestiti di tutto punto siamo andati nei ristorantini a servire i piatti che avevamo preparato: anche questa è stata una bellissima esperienza, il contatto con il cliente, le ordinazioni, cercare di capire dalle facce se avevano gradito il piatto...e per concludere, il gran finale: mentre Eataly chiudeva i battenti, ci siamo goduti una bella cenetta con i piatti del cavolo rimasti, salumi e formaggi e dell'ottimo vino. Quando siamo usciti, la nebbia avvolgeva Torino (e a me piaceva ancora di piu'!). Ho conosciuto delle persone stupende che spero di rivedere e con le quali spero di mantenere i contatti, le ringrazio una per una per aver reso cosi' speciale questa giornata, a partire ovviamente da Sigrid che ci ha permesso di incontrarci tutti.

ps: un abbraccio speciale a Sandra, Carlotta, Graziella, Anna e Fabio (sperando che sia riuscito ad arrivare indenne in hotel!) e a tutti quelli che si sono preoccupati del fatto che fossimo tornate sane e salve a casa ;-)

pps: andate sul sito di Sandra e guardate cosa fa con quelle manine d'oro!

11 commenti:

dada ha detto...

A parte un po' d'invida per quest'esperienza frizzante, questo menù è da favola altro che del cavolo. Hai trasmesso tanta simpatia e gioia (che fatica pero' ;-)
E poi ho sorriso perché vivo a Parigi e non sono mai stata a Torino (è grave?)
Buona serata

Anonimo ha detto...

E dello shopping torinese che mi dici?? non mi starai dicendo che da buona Carrie de noantri ti sei limitata a filetti e noci di scamone§????

:-))))

Eh si!!! mi sa proprio che devi tornare!! Anzi, dovete!! dillo a supermum che qua la si aspetta :-)))

/graz

vaniglia ha detto...

*dada: neanche io mai a torino... mi è piaciuta così tanto (sarà stata l'atmosfera della situazione contingente...)

*benedetta: ciao!!!! sì, gli acquisti sono un capitolo a parte... che strano, è stata una giornata così ricca che sembrava contenerne tre al suo interno!!!
a prestissimo , su questi schermi (e saluti alla supermum!)!

Alem ha detto...

che invidia!!!
che belli i vostri racconti, deve essere stata davvero una giornata speciale!

Sandra ha detto...

Grazie ;-)
Che bel post come la giornata di mercoledì.
Io ieri ho ripreso a sbucciare e caramellare le mele nella mia umile cucina.
Fammi sapere cuando torni a Torino, visto che ti piace così tanto ritorni, vero?
xxx

Giorgia ha detto...

sei stata a torino e non ci siamo viste?!? e io che abito a metà strada tra eataly e magorabin... mannaggia...
però hai ragione torino è bellissima. la prossima volta però ci vediamo!

Fiordilatte ha detto...

Bello il tuo post!Si capisce proprio che vi siete divertiti...mannaggia alla mia influenza!! Sarà per la prossima volta :)

Arietta ha detto...

Azz, fortunella! Anche tu tra le prescelte dunque? Beh, bellissimo che la super-mum ti abbia accompagnata in un viaggio così lungo, sarà stata un'esperienza splendida! Un po'di sana invidia ce l'ho eh! Torino è una città molto bella e urbanisticamente simile a Parigi, molto ordinata, i palazzi a triangolo al crocevia delle strade, tutto così etereo! Poi vabbè, io adoro in generale tutte le città col fiume, non faccio testo! :-)))) Unica pecca: ci son stata in pieno inverno e ho dormito credo peggio di te: era tutto pieno per le Olimpiadi Invernali...era la Notte Bianca...e abbiamo dormito in auto con svariati gradi sottozero:mai stata tanto male in vita mia!

Gunther ha detto...

delle belle immagini e compliemnti per quanto avete fatto e realizzato sembre di essere lì anche noi

sweetcook ha detto...

Lo aspettavo con ansia questo post, ti ho pensata durante quei giorni:) Beh credo proprio che tu abbia ragione, deve essere un'esperienza unica che non si può descrivere a parole.
Torino non l'ho mai visitata, o forse si ma non conta non avevo neanche un anno, da come la descrivi deve essere una città stupenda. Unica cosa su cui non sono d'accordo: la nebbia ^_^
Allora aspetto il post sulla cena al ristorante, quello sugli acquisti...e poi? Buona domenica!

Lady Boheme ha detto...

Complimenti per il blog e per tutte le squisitezze!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

TAGS

dolci cioccolato buffet fingerfood eventi light torte oggi non si mangia biscotti primi piatti emozioni formaggi verdura me antipasti dolci al cucchiaio pesce natale piatti unici ricotta colazione cucina internazionale panna crostate estate shopping uvetta carne contest merende piatti freschi vegetariano glassa pane pensieri sfizi caffè lievitati limone pomodoro recensioni ricette nocciole zucchine agrumi al forno cipolla pasta di zucchero ristoranti umbria brunch formaggio frutta gnocchi insalate mandorle noci pranzi secondi Kenwood Chef Cooking arancia basilico caramello confort food crudo gelato meme pasta pinoli piselli pistacchio primavera senza burro zenzero zucca burro cene condimenti cucina regionale etsy home made melanzane merenda miele mousse semifreddi trasferte Terni autunno carote contorni creme fritto giveaway happy hour icone idee golose da regalare marmellata meringa sfoglia siti solidarietà speck spuntini the birthday party project torte salate verza Instagram Santin Torino agrodolce bicchierini bloggheanno broccoli cannella carpaccio cioccolato bianco conserve crema creme brulee fave feste finocchio fiori di zucca mandarini martedi della moda mele olive out topic pasqua pasta fresca ricette base risotti viaggi vini wish list zuppe Abruzzo Germania Molise cacao calcio collaborazioni cupcakes fragole gratin liquore Strega maionese menta moda olio orrore pasta ripiena peperoni piccola pasticceria porro raccolte salse torte decorate torte per bambini yogurt Berlino Gaeta Genuino Clandestino Gli Ingredienti Segreti dell'Amore Handmade Identità Golose Juve Mercato Brado Milano Monaco di Baviera Narì bed&breakfast Narì ristorante Paste di Meliga Roma San Valentino Secondi piatti Swiss Cheese Parade Zafferano Zafferano di Cascia anatra baccalà bignè biscotti. meme carne cruda castagne cavolfiore cena in bianco di torino cereali charli cheesecake chef cime di rapa composte cucina cinese cucina orientale davide scabin dieta proteica dior download eataly foie gras fois gras francesco apreda gianduia gorgonzola guanciale inverno jovanotti kitchenaid la granda la tramontina lasagne lime luca montersino macarons mangiare a Gaeta mangiare a Torino mangiare a Vasto marco stabile mollica molluschi mozzarella di bufala musica nutella pancakes pasta brisè pasta fillo pasticceria patate patate viola pere piemonte pink pizza pollo premi quiche quiche alsacienne quiche lorraine quiche vosgienne radicchio remoulade remoulade di sedano rapa riso rosso roma food and wine festival rosa cipria rosmarino salsa bernese salutiamoci sedano rapa semi di girasole semi di zucca sesamo spinaci street food tartufo the hummingbird bakery torrone torta alla nutella torta skate vapore vongole
Con un Poco di Zucchero
tutti i diritti riservati - vietata la riproduzione anche parziale