mercoledì 27 febbraio 2013

♥ Chocolate Pavlova


La prima cosa che ho pensato, seduta con il mio Lui sul divano facendo zapping tra Mentana e SkyTg24 è stata andiamocene. Ma si, basta, andiamo via, questo non è il paese per noi, per nessuno, per giovani, per vecchi, per nessuno. E' proprio come diceva il professore in quel bellissimo film, l'Italia è un paese da distruggere, un posto bello quanto inutile. Tutto resta in mano ai dinosauri, immobile. E no, i dinosauri non sono solo i politicanti che grazie a tanti, troppi elettori rimettono il sedere in Parlamento. Sono dinosauri anche quelli che pensano da dinosauri, che credono di essere migliori solo perchè hanno goduto di meno privilegi, che pensano di essere la soluzione a un problema di cui non conoscono nemmeno l'entità. Il primo pensiero è stato questo, lo ammetto. Dopo venti anni di quello, vedere che ancora lo votano, rischiare di averlo come ministro di un'economia in ginocchio..e vedere che l'alternativa non esiste, e che quella che si propone come tale è quanto di piu' populista, qualunquista e inetta potessimo anche solo immaginare.. non è rasserenante. Ma è inutile andarsene, lo è sempre stato. Io sento ancora il dovere di continuare a provare a cambiare le cose, di restare, se pur a fare numero. Quando sarà il momento, ognuno dovrà prendersi le proprie responsabilità..


E dopo il solito sproloquio introduttivo, occupiamoci di un dolce intramontabile e assolutamente molto versatile. L'importante è imparare a far bene le meringhe, dopo di che avremo la strada aperta per una quantitativo innumerevole di dolci, dalle torte ai fingerfood, dai semifreddi ai dessert al cucchiaio. Vediamo quali sono i passi cruciali per realizzarne di buonissime..


1. La Ricetta
Ho provato diverse ricette, come questa e questa, ma la migliore è sempre la prima: permette di avere meringhe sode, compatte, lucide e che si sciolgono in bocca. E' importante che gli albumi montino a lungo con lo zucchero, in modo che la massa sia omogenea e molto consistente: per questo con una planetaria o un'impastatrice avrete la vita piu' facile, ma ho sempre ottenuto ottimi risultati anche con le semplici fruste elettriche, la differenza sta sicuramente nelle quantità. Magari se usiamo le fruste elettriche evitiamo di fare una dosa intera e limitiamoci a metà o un terzo. 


2.La Cottura
Una volta preparata la massa, bisognerà decidere cosa realizzare: con l'aiuto di una sac a poche, potete scegliere qualsiasi forma, l'unica raccomandazione e di procedere con una teglia per tipo, altrimenti rischiate di averne alcune cotte e altre crude. La cottura è lunga e a bassa temperatura, con forno statico (non ventilato) 120° C per almeno due ore/due ore e mezza. Si staccheranno benissimo dalla carta forno e saranno leggere leggere


3.Chocolate Pavlova
Preparare la meringa come indicato, rivestire due teglie di carta forno e mettere la massa in una sac a poche con bocchetta liscia di 1cm di diametro. Realizzare dei cerchi piuttosto bassi, di circa 6 cm di diametro, poi con la stessa sac a poche costruire un bordo piu' alto lungo tutta la circonferenza, in modo da avere una sorta di contenitore. Vedrete che se la meringa è ben montata, non perderà minimamente la sua forma in cottura! Procedere in questo modo fino all'esaurimento della massa (con mezza dose otterrete circa 20 Mini Pavlove), sistemare in forno caldo, statico, a 120° e cuocere per 2 ore. Lasciate raffreddare.
...per la farcitura:
300ml di panna fresca
100g di cioccolato bianco e/o fondente
gocce di cioccolato bianco
gocce di cioccolato fondente
zuccherini argentati
una bacca di vaniglia

Per prima cosa, sciogliere il cioccolato, bianco o fondente, a bagno maria. Con un pennello da cucina, rivestire l'interno delle meringhe per impermeabilizzarle ed evitare che perdano croccantezza e struttutra dal momento della preparazione a quello del servizio. Lasciare asciugare e il cioccolato e procedere con la farcitura. Montare 300ml di panna fresca, senza aggiungere zucchero ma con la polpa di una bacca di vaniglia. Riempire ogni Pavlova di panna, aiutandosi semplicemente con un cucchiaino e decorare con le gocce di cioccolato e gli zuccherini. Completare con il cioccolato fuso rimasto e servire. 




giovedì 21 febbraio 2013

♥ Biscotti allo Zafferano di Cascia con gocce di cioccolato bianco e pinoli


Ormai ci siamo, c'è poco da fare: una decisione va presa, mancano solo tre giorni. E bisogna ammetterlo, ogni volta che andiamo a votare è una tortura maggiore della precedente: quello che diceva "si stava meglio quando si stava peggio" non aveva poi tutti i torti. E quando mancano pochi giorni a un voto cosi' importante, è normale che in qualunque situazione qualcuno ti chieda che farai tu, per chi voterai tu. Eh, boh. A me votare è sempre piaciuto tantissimo, dal momento in cui ne ho acquisito il diritto sono andata alle urne ogni volta che si poteva, anche per i referendum che non sarebbero mai arrivati al quorum. E se siete passati di qui piu' di una volta, sapete anche che mi sono impegnata parecchio...ve la ricordate no, la battaglia epica di due estati fa ;-)? Sono sincera, non avere qualcuno, qualcosa, per cui portare avanti una campagna elettorale del genere, con quella convinzione e quella passione che abbiamo messo per il referendum del 2011, mi deprime non poco. E viene da sè che domenica dovrò attapparmi il naso per l'ennesima volta per mettere quella crocetta, dopo un paio di mesi passati ad ascoltare una serie di fregnacce epiche da una parte e il nulla assoluto dall'altra. Andare per esclusione non aiuta: ho escluso tutti. E non mi venite a dire che se il mio è un voto di protesta devo darlo a Grillo: il populismo non ha mai fatto per me, odio le generalizzazioni e di comico in Parlamento ne basta uno, che negli ultimi 20 anni ha già fatto abbastanza danni. Come se dopo questo ventennio avessimo ancora bisogno di qualcuno che svilisse ulteriormente i nostri valori, chiamando a raccolta chiunque, Casapound compresa. Grazie ma no, non fa per me (tra l'altro, avete avuto modo di vedere qualche video di candidatura di queste cosidette persone normali del cinque stelle? Forse avrò scelto male io i video da gurdare, ma la quasi totalità dei casi è imbarazzante. Va bene che se in Parlamento c'è stato Gasparri, ci possono andare tutti, ma migliorare no? Non si può proprio aspirare a gente preparata che ci governi?). Ma ormai ci siamo, c'è poco da fare, una decisione va presa..mancano solo tre giorni...


Tornando a noi, presentandovi questi biscottini e un prodotto della mia regione che forse non conoscete, approfitto per presentarvi anche gli ultimi arrivati nell'Etsy Shop di Con Un Poco di Zucchero: le Moleskine! Questa è quella dedicata alla cucina, in cui appuntare tutte le ricette che trovate girovagando nei blog, o guardando Masterchef o leggendo una rivista.. (Tutto ma non la Parodi, vi prego!) Ma non è l'unica: al momento sono disponibilli anche il diario di viaggio e la mia preferita, la piccola autoguida enogastronomica



Di conseguenza, oggi la ricettina è scritta nella MyBestCookingIdeas♥!


Lo Zafferano di Cascia non si trova in polvere, ma solo in stimmi, che vanno lasciati in infusione in un liquido caldo per almeno un'ora. Io ho scaldato un cucchiaio di latte scremato al microonde e ho lasciato gli stimmi nella tazzina per circa un'ora e mezza. In una ciotola mettete il burro morbido e mescolatelo con un cucchiaio di legno, aggiungete lo zucchero a velo (e un pizzico di sale, anche se non c'è negli ingredienti ops!) e lavorate bene il tutto a crema. Aggiungete ora la farina setacciata in piu riprese, alternandola con l'albume e mescolando fino ad avere un composto omogeneo. Aggiungete infine lo zafferano, i pinoli e le gocce di cioccolato bianco. L'impasto sarà piuttosto morbido, adatto per essere porzionato con una sac a poche: vi consiglio di non usare alcuna bocchetta particolare, rischiereste di trovarvi con l'impasto bloccato da gocce&pinoli :-). Rivestite una teglia con carta forno e realizzate dei bastoncini che avrete cura di non mettere troppo vicini uno all'altro (si allargheranno in cottura, come le lingue di gatto!) e lasciateli riposare in frigorifero almeno trenta minuti. Scaldate il forno a 190° e cuocete per circa 15minuti, fino a quando i bordi dei biscotti saranno dorati. 






LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

TAGS

dolci cioccolato buffet fingerfood eventi light torte biscotti oggi non si mangia primi piatti emozioni formaggi verdura dolci al cucchiaio me antipasti pesce piatti unici natale colazione ricotta crostate cucina internazionale panna contest estate merende shopping uvetta vegetariano carne piatti freschi glassa pane pensieri sfizi caffè lievitati limone pomodoro recensioni ricette al forno nocciole umbria zucchine agrumi cipolla confort food formaggio mandorle pasta di zucchero pistacchio ristoranti brunch frutta gnocchi home made insalate merenda noci pranzi secondi senza burro Kenwood Chef Cooking arancia autunno basilico caramello crudo cucina regionale gelato meme mousse pasta pinoli piselli primavera zenzero zucca bicchierini burro cene condimenti creme etsy marmellata melanzane miele semifreddi trasferte Terni bloggheanno carote cioccolato bianco contorni crema fritto giveaway happy hour icone idee golose da regalare meringa piccola pasticceria sfoglia siti solidarietà speck spuntini the birthday party project torte salate verza zuppe Instagram Santin Torino agrodolce broccoli cacao cannella carpaccio collaborazioni conserve creme brulee dieta proteica fave feste finocchio fiori di zucca mandarini martedi della moda mele olio olive out topic pasqua pasta fresca ricette base risotti viaggi vini wish list Abruzzo Germania Molise calcio cheesecake cupcakes fragole gratin liquore Strega maionese menta moda orrore pasta ripiena pasticceria peperoni porro raccolte salse torte decorate torte per bambini yogurt Berlino Gaeta Genuino Clandestino Gli Ingredienti Segreti dell'Amore Handmade Identità Golose Juve Mercato Brado Milano Monaco di Baviera Narì bed&breakfast Narì ristorante Paste di Meliga Roma San Valentino Secondi piatti Swiss Cheese Parade Zafferano Zafferano di Cascia amref anatra baccalà bignè biscotti energetici biscotti. meme burro di arachidi burro di noccioline carne cruda castagne cavolfiore cena in bianco di torino cereali charli cheesecake fredda cheesecake senza cottura chef cime di rapa composte cucina cinese cucina orientale cucina sana dai peso al natale davide scabin dior download eataly foie gras fois gras francesco apreda gianduia gorgonzola guanciale healthy healthy food iniziative inverno jovanotti kitchenaid la granda la tramontina lasagne legumi lime luca montersino macarons mangiare a Gaeta mangiare a Torino mangiare a Vasto marco stabile mollica molluschi mozzarella di bufala musica nutella pancakes pasta brisè pasta fillo patate patate viola pere piemonte pink pizza pollo premi quiche quiche alsacienne quiche lorraine quiche vosgienne radicchio remoulade remoulade di sedano rapa riso rosso roma food and wine festival rosa cipria rosmarino roveja salsa bernese salutiamoci sedano rapa semi di girasole semi di zucca sesamo spinaci street food tartufo the hummingbird bakery torrone torta alla nutella torta skate vapore vongole
Con un Poco di Zucchero
tutti i diritti riservati - vietata la riproduzione anche parziale