mercoledì 16 gennaio 2013

♥ Tarte di frolla al Cacao, con Ricotta, Nocciole e Gianduia


Lo so che magari in questo periodo, pubblicare un dolce cosi' è un colpo basso, un po' a tradimento. Ora che siamo un po' tutti/e a stecchetto, dopo Natale,Capodanno e Befane varie. Pero' a mia discolpa posso iniziare a parlare del tempo, del fatto che è inverno pieno, che so che da me in su siete tutti sotto la neve (e io la vedo per ora solo dalla finestra, anche se non troppo lontano) e che quando è freddo si sa, si puo' mangiare di più. O concedersi qualcosa di più. In realtà questa Crostata non ha alcun bisogno di giustificazioni, è troppo buona, potreste mangiarne una intera da soli senza nemmeno accorgervene e ho deciso che pur non avendo degli scatti decenti per il blog, lei, la Tarte, qui doveva per forza esserci. E vi dirò di piu', io che nella vita sono tutt'altro che presuntuosa, sto per affermare qualcosa di molto, molto presuntuoso: credo che la mia (imparata dalla Supermum, a sua volta imparata dalla sorella di Nonna, la mitica Zia Giosi) pasta frolla, non tema rivali. E ne ho assaggiate in giro eh, amici, parenti, ristoranti, pasticcerie. Non so quale sia di preciso il problema, qualcuno usa anche gli albumi, qualcuno troppo zucchero, qualcuno non la cuoce abbastanza: fatto sta che sono pronta a battermi (quasi) con chiunque. Quasi perchè ammetto che quella di Montersino da Eataly era strabuona, nella crostatina Cappuccina. Voi come la fate? Sareste pronti a duellare con la mia? ;-)  Non sarete mica di quelli che aprono la confezione e srotolano una frolla dolce, palliduccia e sottilissima direttamente nello stampo?! Vi prego, no: la pasta frolla e facilissima da fare, ammetto che a mano ci vogliono 5 minuti di più, ma è sufficiente un robot da cucina e non ci vuole per forza una superplanetaria.. nel caso non vi abbia convinti, la prossima volta che comprate una frolla pronta (o anche una brisèe, che richiede lo stesso identico tempo della frolla!) leggete gli ingredienti (e i conservanti!) magari vi passerà la voglia di usarla e vi verrà invece quella di farla da voi..! E poi basta fare ogni volta doppia dose per ritrovarsene una pronta in freezer in caso di emergenza..e molto molto piu' buona! 


Tarte di frolla al Cacao
con Ricotta, Nocciole e Gianduia
(ricetta modificata&estrapolata da Sale&Pepe Ott2012)

per la frolla al cacao:
200g farina
50g di cacao amaro 
150g burro
3 tuorli (a volte ne serve un 4' se le uova sono molto piccole)
75g zucchero
1 pizzico di sale

per il ripieno:
300g ricotta fresca
100g nocciole tostate
80g zucchero 
100ml di panna fresca
1 uovo intero
la polpa di mezza bacca di vaniglia

per la decorazione:
100g di cioccolato gianduja o Nutella
nocciole tostate


Per prima cosa prepariamo la frolla: in una ciotola o in planetaria (o nella ciotola del robot!) setacciare la farina con il cacao amaro, aggiungere lo zucchero e il sale, mescolare bene. Azionare la macchina e aggiungere il burro lasciato a temperatura ambiente per almeno mezz'ora (ammorbidito ma non troppo!), tagliato a dadini e infine i tuorli uno alla volta. Impastare brevemente, fino a quando non si ottiene una pasta omogenea e compatta. Stendetela tra due fogli di carta forno a circa 0,5cm di spessore, posizionatela su un vassoio e lasciatela riposare in frigo per almeno 30 minuti. Nel frattempo prepariamo il ripieno: tritate grossolanamente nel mixer (dando pochi brevissimi colpi) le nocciole tostate con la metà dello zucchero; in una ciotola montare la ricotta fresca con una frusta, aggiungndo l'uovo, lo zucchero rimanente, la polpa di vaniglia e le nocciole tritate. Versare a filo la panna fresca fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea. Accendete il forno a 190°. Riprendete la pasta frolla dal frigo, imburrate uno stampo da crostata da 24-26cm di diametro e rivestitelo con la frolla, facendola aderire bene al fondo e ai bordi. Bucherellate il fondo con una forchetta e tagliate via la pasta in eccesso, rinforzando il bordo dove necessario. Versate la crema di ricotta all'interno del guscio di pasta frolla, livellate bene e infornate per almeno 40-45 minuti, avendo cura di spostare la Tarte nel ripiano piu' basso del forno verso la fine della cottura per far cuocere bene il fondo. Sfornate e lasciate raffreddare prima di sformarla. Sciogliete a bagnomaria il cioccolato Gianduia o la Nutella in modo da avere una consistenza fluida che permetta di disegnare la grata della crostata (o altro decoro secondo la vostra fantasia!) e decorare con qualche nocciola tostata. 




 Qualche scatto da Instagram!

giovedì 10 gennaio 2013

Chi ben comincia..


Eeeh si, Salve! Non riesco neanche io a capire perchè, ogni santo anno la produzione natalizia aumenta e mai riesco a lasciarne traccia sul blog. Forse un po' la colpa è anche di instagram, a forza di condividere foto in tempo reale, a rimetterci è sempre il povero blog! Ma poi iniziano ad arrivare i rimproveri, prima qualche dolcissima mail che chiede che fine io abbia fatto, poi la Supermum e oggi anche la mia amica Ale. Ho pensato quindi che fosse il caso di correre ai ripari ed eccomi qui: Buon 2013! Non ho davvero nulla da rimproverare alle mie vacanze di Natale, ho ricevuto in regalo del bellissimo tempo da passare con la mia famiglia, i miei piccoli gnomosi cuginetti, la Supermum, i Superzii e Nonna, ma soprattutto il mio Lui ha deciso di venire a prendermi (facendosi piu' di 300km, eh!) rendendomi davvero la persona piu' felice del mondo. Passiamo oltre il capitolo "occhi a cuoricino" per dedicarci al fronte cibo: vi siete ripresi dalle grandi mangiate natalizie? Avevo in progetto di mostrarvi nel dettaglio sia la cena della Vigilia che il Pranzo di Natale, ma non so perchè ho ritrovato delle testimonianze molto frammentarie nella memoria della Reflex. Credo tuttavia che il perchè possa essere altresì chiamato "Amaro Santa Croce del Sannio", che da quel che so, non è piu' in commercio. Ma questo l'ho scoperto dopo. Dopo cioè aver terminato, con il sapiente aiuto di mia Zia (della quale terrò nascosta l'identità, per un fatto di privacy e di decoro) un intero bottiglione. Anche se forse, il fatto che giacesse nel carrello dei liquori di Nonna, accanto a quello con l'etichetta "limoncello 1995" avrebbe dovuto farmi nascere almeno un piccolo dubbio...


Ma bando alle ciance e parliamo della prima ricettuzza del 2013: un ouverture nata per caso, un appetizer perfetto per l'aperitivo, che risale al famoso compleanno del mio Lui. Ho pensato di modificare la classica ricetta delle lingue di gatto declinandola in versione salata, magari con qualcosa di semplice ma gustoso in cui tuffarle. E sono venute fuori loro..

Lingue di gatto "Cacio&Pepe" 
con Mousse al Prosciutto Cotto profumata al Marsala.

per le lingue di gatto: 
100g di burro pomata
70g di pecorino grattugiato 
50g di farina 00
120g di albume 
pepe nero
pepe bianco 

per la mousse al prosciutto: 
300g di prosciutto cotto
250g di formaggio cremoso (io uso il Quark) 
100ml di panna fresca (sostituibili con latte) 
1 cucchiaio di Marsala 
sale, pepe


Prepariamo le lingue di gatto: mescoliamo la farina con il pecorino e le due qualità di pepe macinate (regolatevi in base al vostro gusto, a me piace che si senta bene!); in una boule mettiamo il burro morbido e iniziamo a montarlo con una frusta aggiungendo le polveri poco alla volta, alternandole con l'albume. Dovete ottenere un composto morbido e omogeneo. Mettete in una sac a poche con beccuccio liscio e lasciate riposare per 10-15 minuti in frigorifero. Preparate una teglia rivestita di carta forno e accendete il forno a 200°. Realizzate delle piccole spirali partendo dal centro o semplicemente dei mucchietti di impasto che livellerete con il dorso di un cucchiaino bagnato. Fate cuocere per circa 15 minuti, fino a quando avranno preso colore. Prepariamo intanto la Mousse: mettete nel mixer il prosciutto tagliato grossolanamente, il formaggio, il sale e il pepe. Azionate la macchina e versate a filo la panna fresca e il Marsala. Lasciate andare per qualche minuto, finchè non avremo una crema liscia ed omogenea. Mettete in una ciotola e lasciate riposare in frigo almeno mezz'ora. Servite i biscotti con la loro mousse! 

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

TAGS

dolci cioccolato buffet fingerfood eventi light torte oggi non si mangia biscotti primi piatti emozioni formaggi verdura dolci al cucchiaio me antipasti pesce piatti unici natale colazione ricotta crostate cucina internazionale panna contest estate merende shopping uvetta vegetariano carne piatti freschi glassa pane pensieri sfizi caffè lievitati limone pomodoro recensioni ricette al forno nocciole umbria zucchine agrumi cipolla formaggio mandorle pasta di zucchero ristoranti brunch confort food frutta gnocchi home made insalate merenda noci pistacchio pranzi secondi senza burro Kenwood Chef Cooking arancia basilico caramello crudo cucina regionale gelato meme pasta pinoli piselli primavera zenzero zucca autunno burro cene condimenti etsy marmellata melanzane miele mousse semifreddi trasferte Terni bicchierini carote contorni creme fritto giveaway happy hour icone idee golose da regalare meringa sfoglia siti solidarietà speck spuntini the birthday party project torte salate verza zuppe Instagram Santin Torino agrodolce bloggheanno broccoli cannella carpaccio cioccolato bianco collaborazioni conserve crema creme brulee dieta proteica fave feste finocchio fiori di zucca mandarini martedi della moda mele olio olive out topic pasqua pasta fresca piccola pasticceria ricette base risotti viaggi vini wish list Abruzzo Germania Molise cacao calcio cheesecake cupcakes fragole gratin liquore Strega maionese menta moda orrore pasta ripiena peperoni porro raccolte salse torte decorate torte per bambini yogurt Berlino Gaeta Genuino Clandestino Gli Ingredienti Segreti dell'Amore Handmade Identità Golose Juve Mercato Brado Milano Monaco di Baviera Narì bed&breakfast Narì ristorante Paste di Meliga Roma San Valentino Secondi piatti Swiss Cheese Parade Zafferano Zafferano di Cascia amref anatra baccalà bignè biscotti energetici biscotti. meme burro di arachidi burro di noccioline carne cruda castagne cavolfiore cena in bianco di torino cereali charli cheesecake fredda cheesecake senza cottura chef cime di rapa composte cucina cinese cucina orientale cucina sana dai peso al natale davide scabin dior download eataly foie gras fois gras francesco apreda gianduia gorgonzola guanciale healthy healthy food iniziative inverno jovanotti kitchenaid la granda la tramontina lasagne legumi lime luca montersino macarons mangiare a Gaeta mangiare a Torino mangiare a Vasto marco stabile mollica molluschi mozzarella di bufala musica nutella pancakes pasta brisè pasta fillo pasticceria patate patate viola pere piemonte pink pizza pollo premi quiche quiche alsacienne quiche lorraine quiche vosgienne radicchio remoulade remoulade di sedano rapa riso rosso roma food and wine festival rosa cipria rosmarino roveja salsa bernese salutiamoci sedano rapa semi di girasole semi di zucca sesamo spinaci street food tartufo the hummingbird bakery torrone torta alla nutella torta skate vapore vongole
Con un Poco di Zucchero
tutti i diritti riservati - vietata la riproduzione anche parziale