lunedì 30 aprile 2012

Ricette Stupide 2.0


Continuiamo la serie "ricettestupide": e pensare che la scorsa settimana, quando ho compiuto venticinque anni per la terza volta, avevo intenzione di postare per filo e per segno tutto il buffet, perchè non solo era tutto molto buono (sopratutto il couscous con caponata della Supermum..yum!), ma anche perchè non aveva richiesto eccessiva fatica (e anche noi venticinquenni perenni ogni tanto ci stanchiamo..). Per tutto ciò dovrete accontentarvi della mia parola (e di Instagram se siete anche voi addicted!) e dei miei biechi tentativi di disintossicazione durante la settimana. Avendo ricevuto in dono delle deliziose mozzarelle di bufala direttamente da Gaeta, ho tentato di mascherarle con una zucchina grigliata e un po' di basilico..


E siccome era molto piu' buono di quanto immaginassi mentre lo preparavo, ho pensato di farvelo vedere: infondo a volte basta veramente poco per regalarsi un pranzo bello e buono, anche se si mangia una mozzarella con un contorno, anche se si cucina al volo e solo per sè. Il tempo di affettare una zucchina e una mozzarella molto sottili, di far scaldare bene una bistecchiera e cogliere qualche fogliolina di basilico dal terrazzo..


 Io non ho messo sale e ho condito soltanto con un cucchiaino d'olio evo. Volendo si possono aggiungere dei pinoli tostati o delle briciole di pane passate qualche minuto in una padellina antiaderente... Oppure ancora, può diventare un panino meraviglioso tra due fette di pane integrale!


Ah, inutile, vero, dirvi quanto mi piacciano questi piatti rosa...no? ;-)

venerdì 13 aprile 2012

Insalata Detox


Ogni tanto (...) ho assoluta necessità di una tregua. Dal cibo, ovviamente. Il che, altrettanto ovviamente, non significa che si debba mangiare male! Anzi, vi dirò: tra mangiare male, in modo triste, e non mangiare affatto, preferisco senza dubbio la seconda. E anche se sembra tornato l'inverno e proprio no, non me l'aspettavo, non ho alcuna intenzione di tirare fuori di nuovo il piumino. E anche se già stasera abbiamo di nuovo intenzioni bellicose (sempre di cibo parlando), almeno a pranzo, cerco di fare la signorina per bene..considerando che la prova costume si avvicina e che paradossalmente ero molto piu' in forma in pieno inverno..


Ma veniamo a noi.."ma non si vergogna questa a postare la ricetta di un'isalata cosi' stupida?" la risposta è: un po' si, non ne avevo neanche intenzione a dire il vero, poi era cosi' buona che ho pensato di fare una foto al volo (si vede eh?) e condividerla, anche se non è tutta questa novità. Aspetto il periodo delle fave un po' come si aspetta il natale, mi piacciono tantissimo sopratutto crude. Un bell'aperitivo con le fave fresche, un buon pecorino e un bicchiere di vino è il meglio che si possa desiderare, non trovate? Inoltre sono veramente poco caloriche (circa 70cal ogni 100g), praticamente prive di grassi e ricche di proteine e fibre. Basta togliere la pellicina esterna per renderle ancora piu' digeribili. Fatto? Bene, passiamo alle carote: ne basta una, tagliatela a julienne se avete a portata di mano l'attrezzo apposito, altrimenti via libera a rondelle, cubetti e quant'altro. Ora ci vuole un piccolo finocchio, pulito delle foglie esterne e tagliato con una mandolina o a mano, a fettine piuttosto sottili e poi a striscioline. Sciacquate tutto bene sotto l'acqua corrente (io in genere per la verdura cruda uso anche il bicarbonato..), tamponate con un canovaccio e mettete tutto in una ciotola, aggiungete qualche noce rotta con le mani, qualche scaglia di pecorino e condite con un cucchiaio d'olio e un piccolo cipollotto tagliato sottile. Niente sale, c'è già il pecorino (ma ammetto che non l'avrei messo comunque..). Una macinata di pepe nero, quella si. Che ne dite? Si puo' fare? ;-) 

lunedì 2 aprile 2012

Barchette di brisè: un classico da buffet


Da queste parti, le barchette sono sicuramente un cavallo di battaglia. Non c'è buffet che non le veda protagoniste, basta giocare con ripieni diversi per avere un tavolo bellissimo, oltre che buonissimo. Per questo quando abbiamo assaggiato i nuovi formaggi Mauri a base di latte di bufala, li abbiamo subito immaginati elegantemente distesi in una barchetta! Anzi, due: una con le nuove erbette primaverili del balcone, l'altra con l'ultimo radicchio per salutare (speriamo definitivamente..) questo inverno particolarmente freddo. Permettetemi pero' un piccolo appunto purista: evitate di comprare le barchette già pronte! Per fare la brisè basta un semplicissimo robot da cucina, e va bene che per realizzare le barchette una per una ci vuole un po' di tempo..ma basta ritagliarsi un'oretta, anche dopo cena, e il vostro sforzo sarà ampiamente ricompensato. :-) 


Pasta Brisè


200g farina (dallo scorso post ormai ve lo dico: solo farina 2!)
100g burro freddo di frigo
acqua frizzante fredda di frigo qb
un pizzico di sale
(la Supermum dice che mette anche un uovo..)


Mettete nella ciotola del robot o dell'impastatore la farina con il sale, azionate la macchina e aggiungete il burro a pezzetti (è importante che sia freddo!). Versate l'acqua a filo, poca alla volta, finchè non si forma un impasto omogeneo che si stacca dalle pareti della ciotola. Stendete la pasta tra due fogli di carta forno e mettetela in frigorifero per almeno 20 minuti. 


Per le barchette: stendete la pasta ad uno spessore di 2-3 millimetri, tagliatela a misura dei vostri stampini e rivestiteli uno a uno.Coprite il fondo di ogni barchetta con un pezzetto di carta forno e poi con i pesetti in ceramica o con i fagioli secchi per cuocerle in bianco. Mattetele a riposare in frigo man mano che le realizzate. Fate scaldare il forno a 190° e cuocete per circa 15 minuti, fino a colorazione. 
nb: con questa dose otterrete circa 30 barchette piccole



Per il ripieno caprino&erbette: 
circa 30 barchette piccole

Mettete nel mixer 250g formaggio caprino (io ho usato il Caprì Mauri al latte di bufala) con un mazzetto di erbette fresche miste lavate e asciugate: maggiorana, basilico, erba cipollina, mentuccia, timo. Aggiungete un pizzico di sale e di pepe e poco latte per dare al composto la giusta consistenza. Mettete  la crema in una sac a poche con bocchetta piatta rigata e riempite ogni barchetta, completandola con una goccia di marmellata di mandarino, una fogliolina di maggiorana e una grattata di pepe bianco per decorare.






Per il ripieno gorgonzola&radicchio brasato: 

circa 30 barchette piccole




Fate scaldare un cucchiaio d'olio in una padella e  aggiungete un radicchio tardivo, precedentemente lavato e tagliato a striscioline. Fatelo saltare, salatelo e sfumate con un po' di vino rossoMettete nel mixer 200g di gorgonzola dolce con poco latte e pepe bianco. Mettete la crema in una sac a poche con bocchetta a stella, riempite le barchette e completate con il radicchio lasciato raffreddare. 

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

TAGS

dolci cioccolato buffet fingerfood eventi light torte oggi non si mangia biscotti primi piatti emozioni formaggi verdura dolci al cucchiaio me antipasti pesce piatti unici natale colazione ricotta crostate cucina internazionale panna contest estate merende shopping uvetta vegetariano carne piatti freschi glassa pane pensieri sfizi caffè lievitati limone pomodoro recensioni ricette al forno nocciole umbria zucchine agrumi cipolla formaggio mandorle pasta di zucchero ristoranti brunch confort food frutta gnocchi home made insalate merenda noci pistacchio pranzi secondi senza burro Kenwood Chef Cooking arancia basilico caramello crudo cucina regionale gelato meme pasta pinoli piselli primavera zenzero zucca autunno burro cene condimenti etsy marmellata melanzane miele mousse semifreddi trasferte Terni bicchierini carote contorni creme fritto giveaway happy hour icone idee golose da regalare meringa sfoglia siti solidarietà speck spuntini the birthday party project torte salate verza zuppe Instagram Santin Torino agrodolce bloggheanno broccoli cannella carpaccio cioccolato bianco collaborazioni conserve crema creme brulee dieta proteica fave feste finocchio fiori di zucca mandarini martedi della moda mele olio olive out topic pasqua pasta fresca piccola pasticceria ricette base risotti viaggi vini wish list Abruzzo Germania Molise cacao calcio cheesecake cupcakes fragole gratin liquore Strega maionese menta moda orrore pasta ripiena peperoni porro raccolte salse torte decorate torte per bambini yogurt Berlino Gaeta Genuino Clandestino Gli Ingredienti Segreti dell'Amore Handmade Identità Golose Juve Mercato Brado Milano Monaco di Baviera Narì bed&breakfast Narì ristorante Paste di Meliga Roma San Valentino Secondi piatti Swiss Cheese Parade Zafferano Zafferano di Cascia amref anatra baccalà bignè biscotti energetici biscotti. meme burro di arachidi burro di noccioline carne cruda castagne cavolfiore cena in bianco di torino cereali charli cheesecake fredda cheesecake senza cottura chef cime di rapa composte cucina cinese cucina orientale cucina sana dai peso al natale davide scabin dior download eataly foie gras fois gras francesco apreda gianduia gorgonzola guanciale healthy healthy food iniziative inverno jovanotti kitchenaid la granda la tramontina lasagne legumi lime luca montersino macarons mangiare a Gaeta mangiare a Torino mangiare a Vasto marco stabile mollica molluschi mozzarella di bufala musica nutella pancakes pasta brisè pasta fillo pasticceria patate patate viola pere piemonte pink pizza pollo premi quiche quiche alsacienne quiche lorraine quiche vosgienne radicchio remoulade remoulade di sedano rapa riso rosso roma food and wine festival rosa cipria rosmarino roveja salsa bernese salutiamoci sedano rapa semi di girasole semi di zucca sesamo spinaci street food tartufo the hummingbird bakery torrone torta alla nutella torta skate vapore vongole
Con un Poco di Zucchero
tutti i diritti riservati - vietata la riproduzione anche parziale