giovedì 31 luglio 2008

"Ancora qui?!"



Lo so che è piu' di un mese che vi sto ammorbando con la mia partenza, ma noooo non è ancora ora!! Sono in alto mare ( e scusate il gioco di parole...!) con i preparativi, ieri era il giorno delle lavatrici, o almeno lo sarebbe stato se la lavatrice non avesse sviluppato un misto tra disappunto e una sorta di forma di razzismo nei miei confronti. Fatto sta che niente, per tutto il pomeriggio non è partita, non ha dato segni di vita, muta e immobile come se io non fossi li' davanti a prendere a pugni l'oblò. Alla fine me ne sono andata (ah, ieri è un giorno da segnare sul calendario: per la prima volta dopo 4 anni sono stata a cena a casa del mio Lui, con tanto di genitori, nonna e fratello...Sebbene fossi un po' tesa (non che non li avessi mai visti, ma insomma, stare tutti allo stesso tavolo è un'altra cosa rispetto al buongiorno buonasera grazie auguri arrividerci...no? Siamo sempre stati entrambi un po' restii al convolgimento delle famiglie...) è stata una serata molto piacevole, non mi sono sentita per niente a disagio (anche se ho sbagliato la data della rivoluzione francese..che vergogna! ma come mi è venuto 1714????mannaggia a me mannaggia!) a parte ora che ho ricordato questo episodio..vabbè) tornando alla lavatrice...quando poi sono tornata a casa la maledetta era ancora bloccata. L'ho spenta e fanculizzandola sono andata a dormire. Stamattina mi sono svegliata, ho spinto il pulsante di accensione e... è partita come se niente fosse!Dopo il nero sara' la volta del bianco e poi dei colorati... Per il beauty mi sembra di aver comprato tutto, dei vestiti ho uno schema in mente, delle scarpe pure... Insomma alla fine, visto che martedi' mi sono detta che ero ridicola a preparare gia' la valigia, mi ridurro' come sempre all'ultimo minuto. E se la volete sapere tutta devo ancora fare la ceretta! E devo ancora vedere quale borsone usare... In ogni caso, visto che siete piu' o meno tutti in partenza e alle prese con la valigia (quale colonna sonora migliore di questa? eheh!), ho trovato le regole della valigia perfetta su una rivista, e tanto perchè poi non mi accusiate di averli egoisticamente tenuti per me, eccole qua:

ci sono due fasi per la valigia perfetta: la scelta degli abiti e il loro incastro

  1. per la scelta:
  • fare una lista la settimana prima per organizzare bucati e lavanderia
  • scegliere un colore dominante
  • pensare agli impegni dividendoli in giorno e sera
  • guardate i capi tutti insieme per non dimenticare nulla

2. per l'incastro:

  • i capi piu' pesanti si indossano durante il viaggio
  • pantaloni e gonne sul fondo
  • giacche e vestiti sopra i pantaloni
  • maglie, pullover e tshirt si arrotolano
  • mutande e calzini negli eventuali buchi
  • cinture non arrotolate ai lati della valigia
  • le scarpe vanno nella parte opposta alle maniglia (questa proprio non l'ho capita...!)
  • portate sempre un costume

Beh, come avrete capito io non ne ho seguito uno di punto, almeno per il momento sono gia' fuori tempo massimo con le lavatrici...per il resto a parte la cosa delle scarpe che per quanto ci abbia perso il sonno (eeeh si si...:) ) non l'ho proprio capita, potrei anche pensare di seguire le regole e fare una valigia perfetta, non sarebbe da me, ma potrebbe anche capitare! Sempre che decida di smuovermi da questa stanza (che ancora un campo di battaglia!) per colonizzare il letto della supermum con i vestiti scelti (ao, non l'ho mica detto io che bisogna avere una visione d'insieme per non dimenticare nulla!)... Non credo che questo sia il post di saluto per le vacanze, magari stasera stiamo a cena qui e preparo qualcosa per salutarvi, domani in modo adeguato!


...prima di andare a scaricare e caricare la lavatrice (sempre che riparta...) devo parlarvi di questo piattino preparato per la supermum qualche sera fa, aveva visto i pomodori su un Sale&Pepe e una sera tornata a casa li ha trovati con quella panzanellina in forma (almeno lei...!) e il budino di caprino e pere. La ricetta prevedeva le uova nel ripieno, ma io non le ho messe..!

  • Pomodori ripieni di panzanella
  • 4 pomodori tondi
  • 200g pane raffermo
  • cipolla rossa (io ne ho usato un pezzetto..)
  • basilico a volonta'
  • olio ev
  • sale, pepe

lavare i pomodori, tagliare la calotta e metterla da parte. con un coltellino svuotateli della polpa, tritatela, mettetela in una boule con il pane, il basilico spezzettato, l'olio, il sale e la cipolla tagliata sottilissima (la ricetta la stufava in padella, ma a me cruda piaceva di piu'). Lasciate riposare il frigo il composto per un'oretta, nel frattempo salate l'interno dei pomodori e metteteli capovolti a scolare. Riempiteli con il composto, rimettete la calotta e infornate a 200° per 25 minuti.

ps: due pomodori fatti cosi sono circa 300kcal...ottimo pranzetto light non trovate?;)

mercoledì 30 luglio 2008

Con tutto quello che avrei da fare...


...sto qui!A scegliere le foto per il blog, preparare il pdf della cena degli azzurri (a proposito, quant'è difficile! Ho gia' chiesto aiuto a Imma, che mi ha mandato un programma per la conversione da doc a pdf ma una volta convertito me l'ha scombinato tutto! Ma che modi sono signor Acrobat? Ma io non lo so!Se avete qualche dritta da darmi la mia mail la sapete..!).. Oggi volevo provare a preparare un altro gelato (anche se la gelatiera non funziona!giro a mano, non fa niente..l'importante è che gela!) sono tentata di rifare quello allo Strega perchè mi è piaciuto tantissimo ma vorrei provare qualcosa al caffè che mi gironzola in testa da un po' di tempo.. In realta' dovrei uscire a comprare le salviettine disinfettanti, quelle struccanti, il doposole e il kway; fare un paio di lavatrici, dare un verso a questa stanza che è un campo di battaglia (scusa supermum!) iniziare per lo meno a pensare una valigia (anche se in questo caso valigia è proprio un parolone!).. Invece non sto facendo proprio niente..Questo non è nemmeno un vero post, non c'è una ricetta nuova, il biscottino è sempre questo e la crema l'avete gia' vista qui (certo, pucciare il biscottino nel cioccolato è un'esperienza da provare...pero'...!)..Ok, dai la dico tutta: la verità è che oggi è il compleanno di mia cugina e..non poterle fare gli auguri come ogni anno è un pochino dura. E' parecchio difficile poi spiegare quello che lei è per me, è sempre stata la piu' matura, la piu' intelligente, quella che sapeva tutto, o comunque sempre qualcosa piu' di me. Quando eravamo piccole volevo essere come lei, volevo avere la maglietta che aveva lei, il gelato che prendeva lei, dire quello che diceva lei!E quante volte abbiamo litigato! Sia da piccole che una volta cresciute, per le sue idee assurde, per i suoi modi irritanti e un po' superficiali, per tutte le cose che si è presa in prestito senza mai ridarmele! Ma la adoro lo stesso...E adesso non mi importa piu', spero solo che questo periodo passi presto e che torni quella che era.. Le dedico questo biscottino e spero che i miei auguri le arrivino lo stesso...
Buon compleanno Pandina!

venerdì 25 luglio 2008

Lo Zuccotto Gelato

Da quando ho finito con questa sessione non sono ancora riuscita a recuperare le forze come si deve, a parte il giorno dell'esame in cui mi sono svegliata alle 5, nelle mattina successive non mi sono mai svegliata piu' tardi delle 8.30...ma si può avere la sveglia incorporata e perennemente puntata in orario da studio?speriamo che in vacanza riesca a spostare le lancette di un paio d'ore..sempre che in barca si dorma...? Insomma sono perennemente stanca e non mi vedo assolutamente in forma come avevo programmato di essere, una volta arrivata alla fine del mese...Vi è mai capitato di comprare una (o piu') di quelle cremine per il corpo che promettono risultati in due settimane, 3 cm di meno qui, 2 cm di meno di la' ecc. ecc? E vi è mai capitato mentre vi spalmavate i fianchi di sentirvi terribilmente e irrimediabilmente deficienti? Ecco, ci siamo capiti..:) Nel frattempo oggi abbiamo avuto notizie sulla nostra gelatiera (in realtà non è proprio nostra,l'abbiamo barattata con una friggitrice da mia zia, l'anno scorso...), non c'è niente da fare, il motore è vecchio, è andato, finito. A questo punto l'unica è comprarne un'altra, ma non so proprio come sceglierla, nel senso che vorrei spendere una cifra decente (inferiore ad una Kelly, se possibile, perchè sceglierei la Kelly!) ma non voglio assolutamente dover prevedere di volere un gelato con 24 ore di anticipo (non voglio una con cestello da mettere in freezer insomma) ma voglio un pulsantino che faccia congelare tutto mentre io preparo il composto. Tutto questo per dire che, no, lo ammetto, il gelato in questo zuccotto non l'ho fatto io, ma ci ho messo comunque il mio zampino...:)

Zuccoto gelato "alla Russa"

  • 135g farina 00
  • 40g cacao amaro
  • 7 uova
  • 90g zucchero semolato
  • 500g gelato fiordilatte
  • 250g gelato al cioccolato
  • 50g cioccolato fondente

Montare 4 uova intere e 3 tuorli con un cucchiaio di zucchero mentre con il resto dello zucchero montate i 3 albumi a neve finchè sono lisci e spumosi. Incorporate alle uova la farina e il cacao setacciati insieme e poi gli albumi montati. Rivestite una teglia (io ho usato una 35x35) con carta da forno e trasferitevi il composto, fatelo cuocere per circa 10-12 min in forno preriscaldato a 180°, dopo di che togliete dallo stampo e fate raffreddare. Con uno stampo da zuccotto tagliate un cerchio dello stesso diametro della base, io ho usato un 20cm di diametro. Dal resto del biscuit ricavate due strisce rettangolari (tenete da parte i ritagli!), spalmatele di gelato al fiordilatte e arrotolatele ottenendo delle specie di girelle, questa fase va realizzata in fretta perchè il gelato si scioglie! Mettete i rotoli in freezer per una mezz'oretta, nel frattempo lavorate il gelato al fiordilatte aggiungendovi il biscuit avanzato sbriciolato e il cioccolato fondente ridotto in scagliette. Riponetelo di nuovo in freezer. Rivestite lo stampo da zuccotto con della pellicola trasparente, prendete i due rotoli e tagliateli a dischi di circa 1cm di spessore. Utilizzate i dischi per foderare lo stampo da zuccotto, riempite con il gelato al fiordilatte in modo da creare una cavita centrale ma coprendo bene le pareti. Trasferite tutto di nuovo in freezer per circa un quarto d'ora, poi riempite la cavita' con il gelato al cioccolato e coprite con il disco di biscuit. Di nuovo tutto in freezer fino al momento di servire!


lunedì 21 luglio 2008

Tana per me!

Ebbene si! Sono stata tanata. Avete presente quando, da bambini, giocavate a nascondino, ed eravate convinti di aver trovato il nascondiglio perfetto, che al momento giusto sareste balzati fuori per fare tana libera tutti e invece..vi facevate beccare come dei principianti? Ebbene, è successo un po' qualcosa di simile. Questo blog, come sa chi viene qui da un po', era assolutamente segreto. Nel senso che nessuno che mi conosce personalmente sa dell'esistenza di questo blog. O almeno sapeva! Ieri, mentre ero nella fase di rimbambimento pre-esame/post-ripetizione-dell'intero-programma, la Supermum prende il mio portatile per cercare in internet una sterilizzatrice per fare le conserve (...) mentre io vado a farmi la doccia.
Voce fuori campo: "Ma che è 'sto con un poco di zucchero?".
Dho! Ehm,già...eh, che cos'è? "..sarebbe il mio blog...è di cucina..."
" Eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeh!??!"
"eh..si..ci metto quello che cuciniamo di carino...è per questo che faccio le foto ai piatti..."
"Cheeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!?!"
Insomma tutto questo per dire che:la Supermum mi ha sgamato. E oggi mentre tornavo dal mio esame lei non solo si faceva una cultura al riguardo degli ultimi 11 mesi ma si adoperava anche a diffondere la notizia. "Ma solo alle zie!" ha giurato. Si, come no! Come se non ti conoscessi Mum! :) Non ti volevo escludere, mi vergognavo solo un pochino! Evvabene, lo dico: molte delle ricette sono idee sue. Ma non tutte! E sopratutto non i dolci. I dolci sono tutte mie creazioni! :P Magari la convincerò anche a scrivere qualche post, appena la conoscerete capirete perchè la adoro e non potrete che fare lo stesso... Ah, e care ziette che tanto so già che state curiosando da queste parti (del resto la genetica è una scienza esatta!) voglio bene anche a voi (ma non rinuncerò alla vacanza in barca per tenere gli gnomi!)

Detto questo, un ringraziamento immenso a tutte voi per i meravigliosi, utilissimi e necessari consigli: mi avete dato percezione esatta di quel che mi aspetta. Mi sto abituando all'idea del bagaglio ristretto, degli spazi ristretti, della mancanza di scarpe ecc. Ce la posso fare. Sono anche sicura che mi piacerà e che mi divertirò. Abbastanza sicura. Quasi sicura. Insomma, ma si, posso adattarmi anche io. Sweet non preoccuparti per me e sopratutto tranquilla perchè ti daro' un ampio preavviso sulla mia partenza! Ti dedico questo gelatino, che è venuto benissimo pur essendo nato sotto una cattiva stella, visto che quando l'ho versato nella gelatiera gia' ghiacciata, le pale hanno pensato bene di rifiutarsi di girare. Per cui ho sostituito le pale della gelatiera con...la mia forza bruta. Ma sapeste com'era buono! Il segreto del latte condensato è dello Chef Maurizio Santin, serve ad evitare che si formino i cristalli di ghiaccio che tolgono cremosità al gelato, ora aspetto che mi aggiustino la gelatiera per fare tanti esperimenti di gusti, perchè il gelato è proprio una delle mie passioni! Visto che ormai sono in vacanza (ah, ho preso 30 eh!) posso pensare a tempo pieno a organizzarmi la valigia, la vacanza e anche a cucinare un po', anche se avevo deciso di stare a dieta queste settimane prima della partenza...vediamo se si riesce a conciliare in qualche modo!Va bene, ve la dico la ricetta su...

  • Gelato allo Strega e uvetta
  • 400ml latte intero
  • 4 tuorli
  • 125g zucchero
  • 400ml panna fresca liquida
  • 160g latte condensato
  • mezzo bicchiere di liquore Strega
  • un pugno di uvetta

Per prima cosa, mettete l'uvetta a reidratare in una coppetta con acqua calda e circa la metà del liquore strega indicato negli ingredienti. Mettere in una casseruolina a scaldare il latte, finchè non inizia il bollore. In una boule raccogliete i tuorli con lo zucchero e lavorarli fino ad amalgamarli, aggiungere a filo il latte caldo continuando a mescolare. Subito dopo aggiungete la panna fredda e il latte condensato. Mescolate bene, passate al setaccio e trasferite tutto in una casseruola, per cuocerlo a fuoco dolce fino a 82°C (senza farla mai bollire). A questo punto bisogna raffreddare il composto il piu' velocemente possibile (è facilmente attaccabile dai batteri, Santin docet!) aiutandosi con una bacinella di acqua gelata e ghiaccio. Quando è freddo, si aggiunge il liquore Strega e l'uvetta scolata e strizzata e si mette nella gelatiera per una 30'ina di minuti. Per accompagnare qualche biscottino è l'ideale!


Ah, quasi dimenticavo di dirvi che sono anche io inserita ne Il Bloggatore (link a lato!), se ancora non ci siete che cosa state aspettando??

lunedì 14 luglio 2008

Velista per caso


Alla fine di questa settimana, proprio tra 7 giorni esatti sarò anche io in vacanza. Una volta fatto l'ultimo esame di questa sessione (che fa abbastanza schifo tra l'altro!) potrò dedicarmi solo alla preparazione della mia vacanza, che, sebbene sia appunto una vacanza, sta assumendo sempre di piu' le fosche tinte di un thriller psicotico. E vabene, lo ammetto, il massimo dell'avventuroso per me è stato partire per la costa azzurra con la prenotazione di due soli alberghi su 4. Sono molto "comodina", non apprezzo gli ostelli, sono disordinata e mi piace andare in albergo anche solo per il pensiero di fare quella bella colazione a buffet che è un inequivocabile segno di vacanza. Ah, e poi voglio un bagno pulito.E non so stare senza cellulare. Eppure ho gia' dato il 60% della cifra come anticipo per andare in vacanza in barca a vela: dal giorno del bonifico vivo una sorta di "dualismo psicologico", in cui una parte, la stessa parte di cui vi parlavo qui, quando parlavo del tennis, è affascinatissima dall'idea di fare una cosa cosi' fuori dal comune per me. Il problema è l'altra parte. Perchè l'altra parte è terrorizzata, e piu si fa dare consigli e piu' è terrorizzata. E piu' cerca di farsi rassicurare da chi ha piu' esperienza e più è terrorizzata. Da cosa? Il mal di mare, il mare grosso, le onde, l'acqua che è poca, il bagaglio piccolo, le scarpe da barca, la cambusa, gli ormeggi, gli spazi piccoli, la pulizia... Tanto per dirvene alcune. Allora, visto che ormai la frittata è fatta, il dado è tratto...insomma, ormai ho pagato e me tocca anda'...AIUTO. Visto che nel post precedente sempre su questo tema tutti/e ne sapevate piu' di me, aiutatemi a risolvere qualche dubbio, datemi indicazioni, consigli, tutto quello che devo sapere. Per darvi una pista su come impostare il discorso, seguite i 30528752 mila punti seguenti! eheh, no scherzo, però queste sono le cose che vorrei sapere, siate pazienti, please ( non vi faccio un po' tenerezza/pena/compassione? :) )



  • se quello che ho pagato non comprende carburante e porti (nord sardegna, maddalena e forse corsica) quanto altro devo pensare di spendere per queste cose?

  • quando arriviamo in Sardegna andiamo a fare la cambusa (alla standa e all'eurospin di olbia) che cosa mi consigliate di comprare e quanto pensate si debba mettere nella cassa comune per la cambusa (siamo 6 piu' lo skipper)?

  • ho gia' rinunciato al mio trolley e ho gia' accettato di strisciare sotto il mio borsone morbido dal traghetto al porto e so gia' che non potrò portarmi un granchè, compresi i miei sandali tacco11 che non mi parlano piu' da quando sanno che resteranno sulla loro mensolina. Ma davvero devo comprarmi le scarpe da barca? cioè quei mocassini obrobriosi che non metterei nemmeno se fossi un'eremita marsicana?

  • E' vero che devo comprare shampo e bagnoschiuma antisale perchè non tutte le sere si puo' fare la doccia?

  • Due parole su quel che pensavo di portare: costumi, pantaloncini, canotte/camicette/magliette, un paio di copricostumi, un pantalone lungo, un paio di vestitini se andiamo a cena fuori, un maglioncino, un kway (che penso di non avere piu' messo dalla gita di terza media...). Le scarpe meglio che non ve le dico, cmq molto poche...

  • Aiuto!



Per sdebitarmi, vi offro questo bicchiere da Martini, molto fresco e perfetto per una sera d'estate o un pranzo leggero. E' una sorta di caprese ma non proprio: sul fondo c'è del pane ai cereali fatto a cubetti, passato al forno a tostare con un filo d'olio. Sopra si distribuiscono un paio di cucchiai di burrata condita solo con un po di pepe e si termina con una concassè di pomodoro fresco (basta tuffare i pomodori per meno di un minuto in acqua bollente, passarli in acqua fredda per facilitare la spellatura, eliminare acqua e semi e fare tutto a cubetti), olio al basilico, sale e pepe

Con questa ricetta partecipo alla raccolta "Ricette in un Bicchiere" di Morettina e Annamaria!



Mi raccomando, confido in voi e nei vostri consigli!Grazie mille!

Quasi mi dimenticavo, Lenny mi ha dato un altro premio! Il premio Art Y pico, grazie lenny, è un vero onore!!!

venerdì 11 luglio 2008

Premi, pacchi & cioccolato

Ecco qua, è gia' mezzogiorno è ho studiato un unico solo capitolo in tutta la mattina, per non parlare di ieri pomeriggio in cui è successo veramente ma veramente di tutto (ma vi racconterò bene solo al prossimo post, quando vi presenterò uno dei dolci piu' buoni che abbia mai fatto, sisi vi tengo sulle spine!Sono diabolicamente sadica eheh!). Oggi non c'è tempo di rimbambirvi con le solite valangate di chiacchiere, perchè mentre io combattevo con il tempo, la dermatologia, la supermum e la tecnologia (eeeeeh, mistero mistero!) Alex del bellissimo blog "Ombra nel Portico" mi ha conferito un premiuccio sbrilluccicoso! Che bellezza, grazissime Alex! Visto che sto ancora gongolando, cito anche la motivazione per cui Alex ha ritenuto opportuno conferirmi questo premio..ehm..ehm "DOLCEZZA: garbo ed eleganza in un blog tutto da assaporare"


Grazie ancora Alex!


Questo il regolamento:"Il Brillante weblog è un premio assegnato ai siti e i blog che risaltano per la loro brillantezza sia per quanto riguarda i temi che per il design. Lo scopo è quello di promuovere tutti nella blogosfera mondiale!
1. al ricevimento del premio, bisogna scrivere un post mostrando il premio e citare il nome di chi ti ha premiato mostrando il link del suo blog;
2. scegli un minimo di 7 blog (o di più) che credi siano brillanti nei loro temi o nel loro design. Esibisci il loro nome e il loro link e avvisali che hanno ottenuto il Premio “Brillante Weblog”
3. (facoltativo) esibire la foto (il profilo) di chi ti ha premiato e di chi viene premiato nel tuo blog





indipercui conferisco a mia volta il premio brillante, senza guardare se lo hanno gia' ricevuto o no, non credo che conti!



  1. Arietta, perchè è bravissima, è simpatica, ogni volta che posta qualche ricetta si capisce da ogni sua parola che l'ha preparata con amore. Ma anche perchè è forte, e lei lo sa. Un abbraccione mia cara!

  2. SalsadiSapa, perchè questo premio è un tentativo di corruzione per farmi offrire la prossima volta che vado a perugia, un caffè e una tripla mousse (forse è meglio che la fai tu che il pasticcere!)

  3. Stella di Sale, perchè le sue fotografie sono talmente belle che mi sembra di viaggiare con lei e le sue ricette sono sempre una gioia da vedere e da provare!

  4. Dolcetto, perchè mi fa tornare bambina tutte le volte che vedo un suo dolce (della serie: "Oooooh!")

  5. Sweetcook, perchè, inutile dire quanto sia brava, mi sembra quasi un'amica di vecchia data, come se fossimo andate a scuola insieme, peccato sia cosi' lontana!

  6. Adina, perchè il suo blog e le sue parole sono come un balsamo per i pensieri

  7. Alex e Mari: perchè andarle a trovare è un viaggio intorno al mondo, un viaggio tra sapori, luoghi, ricette e pensieri ed è sempre emozionante


Uff, che fatica! E' difficilissimo scegliere 7 blog in tutta la blogosfera! Pero' ho ancora 4 posti da assegnare, perchè sempre Alex ma stavolta anche la mia cara Sweetina mi hanno inserito in un progetto per far conoscere in giro i nostri blog... Il regolamento lo trovate qui


Io devo solo conferirlo ad altri 4 blog:
  1. Fiordisale, perchè sa unire in modo unico e meraviglioso le sue ricette e le sue riflessioni su quello che la realtà ci costringe a guardare...
  2. Mariluna, che ha un blog elegantissimo
  3. Virginia, che è fantastica in tutto
  4. Tulip, uno dei primi blog che ho conosciuto e che mi ha insegnato molto!

Ora che ho assolto i miei compitini, vi parlo della

  • Crostatina con ganache al fondente e riccioli di cioccolato bianco
  • pasta frolla
  • 200g fondente al 60%
  • 250g panna fresca
  • 1 cucchiaio colmo di zucchero semolato fine
  • 20g di burro
  • cioccolato bianco q.b

Ho cotto la pasta frolla in forno in stampini da crostata molto piccoli, ottenendo dei piccoli gusci. Per la ganache, si aggiunge lo zucchero alla panna e si fa scaldare attentamente, al primo bollore si spegne e si versa in una boule in cui avrete spezzettato il cioccolato fondente. Si mescola velocemente ottenendo un composto liscio e omogeneo, poi si aggiunge il burro a fiocchetti e si mescola ancora. Si fa freddare il tutto e poi si ripone in frigorifero. Si puo' anche surgelare direttamente in una sac a poche usa e getta e scongelare quando si utilizza. Come decorazione ho usato qualche ricciolino di cioccolata bianca ottenuto con un pelapatate!

Aaaaah, mi è arrivato il pacco asos! Adoro tutto tutto tutto!

lunedì 7 luglio 2008

..e invece non lo è mai!

Ieri sera, invece di parlarvi di quel bel ragazzone di Rafa, avevo in programma un altro post, per raccontarvi tuuuutto quello che è successo da venerdi' in poi, ma poi l'esultanza è stata talmente grande da prevalere su tutti i progettini piu' razionali! Chi vi scrive ha sulle spalle (ustionate, tra l'altro!) piu' di mille chilometri, un bagaglio di un po' di tempo passato con alcune delle persone che ama di piu' al mondo e tante notiziucole per rallegrare il vostro lunedi' sera! Come vi avevo anticipato prima di partire venerdì, abbiamo trascorso il fine settimana dalla supergranny (non la vedevo da pasqua!) che sabato mattina ha acconsentito di mettersi in macchina e di andare al mare a trovare zii e cuginetti (che adoro al livello della supermum e che ugualmente non vedevo da pasqua!). Ebbene si, la prova costume c'è stata, anche se, nella spiaggia in cui tutti mi hanno visto fin da quando il costume potevo anche non metterlo non ha tanto valore...Tuttavia il mio cuginetto mi ha detto che sono bellissima, quindi...posso ritenermi piu' che soddisfatta no?:) Tornare in quel mare poi per me è un po' come tornare a casa, sara' perchè sono sempre stata tanto felice su quella spiaggia, in quella casa, con quelle persone..Gia' vedere all'orizzonte la striscia azzurra di mare che diventa sempre piu' grande mi da un'emozione unica!

...Nel frattempo, mentre venerdi' giravo per negozi romani, mi chiama un numero sconosciuto dicendo che...doveva consegnarmi un pacco! Evvai! Dopo una serie di vicissitudini che non sto qui a elencarvi e mille chiamate al fattorino, riesco a far recapitare il pacco Asos a una delle mie amiche con cui avevo fatto l'ordine.. Stragasate vanno ad aprire e... Ci manca il mio sandalo nero, il mio vestito nero, e un altro vestito di una di loro! Noooooooooooo! E io non ero nemmeno provvista di connessione internet per reclamare sedutastante! Ieri quando sono tornata sono andata subito a prendere il mio 50% di ordine: sapeste come sono fantastiche le ballerine! E il sandaletto argentato! Una volta a casa scrivo subito la mail e oggi mi rispondono scusandosi e con un nuovo pacco in viaggio per me con quello che si erano dimenticati, ovviamente senza nessuna spesa aggiuntiva, e un rimborso per quel vestito che aveva ordinato la mia amica e che pero' non c'è piu'.. Sono molto contenta che non mi abbiano deluso, e sono di nuovo in attesa di un pacco asos!

Nel frattempo vi propongo un piattino leggero e sfizioso, proprio adatto a questi caldi e a tutte le diete possibili!

  • Salmone grigliato allo zenzero (per2)
  • due tranci di salmone
  • un cucchiaino di zenzero fresco tritato
  • la scorza di un limone non trattato
  • due cucchiai d'olio e.v.
  • erbette aromatiche miste ( per me basilico, erba cipollina, aneto)
  • sale e pepe

In una scodellina ho preparato la marinatura: ho emulsionato l'olio e.v. con un cucchiaio d'acqua,aiutandomi con una frusta, poi ho aggiunto lo zenzero fresco tritato (se avete l'attrezzatura giusta spremete bene il succo!) le erbette tritate finemente, poco succo di limone. In un recipiente di vetro munito di coperchio ho messo i due tranci di salmone, ho salato e pepato, e li ho ricoperti con la marinatura. Ho chiuso bene (se avete il minipimer che fa il sottovuoto ancora meglio!) e ho lasciato in frigo per una mezz'ora, trascorsa la quale ho girato i tranci e li ho rimessi allo stesso modo in frigo per un'altra mezz'ora abbondante. Ho scaldato bene un griglia e l'ho cosparsa con del sale grosso, ho tolto i tranci dalla marinatura, li ho scolati bene e li ho cotti per pochi minuti da entrambi i lati. Una volta sui piatti da portata li ho conditi con la marinatura rimasta, ho cosparso con un po' di zest di limone e accompagnato con un'insalatina di valeriana e pinoli tostati.

domenica 6 luglio 2008

God save the King!



C'è qualcosa di misterioso, quasi di oscuro, alla base del fascino e della seduzione che esercita su di noi qualcosa che proprio no, non sappiamo fare. Questo qualcosa io lo so fare al massimo con il pc, dove mi è bastato imparare i tasti da premere per vincere anche un Grande Slam. Ma la realtà, signori, lo sapete, è un'altra cosa. E la realtà la conosce benissimo questo ragazzino che viene da Palma di Maiorca, ventidue anni compiuti da poco piu' di un mese, professionista da piu' di un terzo della sua vita, numero 2 del mondo dietro solo a un certo svizzero con 5 anni, di vita e di esperienza, piu' di lui. Rafa Nadal stasera ha vinto per la prima volta a Wimbledon, sull'erba e non sulla terra battuta, senza risparmiarsi mai, su nessuna palla, dimostrando di essere assolutamente all'altezza del suo avversario.
E se mentre gioca non puoi non rimanere affascinato dalla sua forza fisica, dai suoi scatti veloci e potenti (e vabbè, anche dal suo bicipite perfettamente rotondo e da un didietro assolutamente favoloso...) quando Federer non riesce a rispondere e lascia la palla nel suo campo, consegnandogli l'ultimo importantissimo punto, si rimane quasi commossi dall'esultanza di un bambino che cade per terra per l'emozione;si arrampica sulla tribuna per abbracciare la mamma, il papa' e lo zio; si ricompone per ricevere i complimenti da Felipe di Spagna e la sua consorte; tesse le lodi di un avversario imponente come il numero uno del mondo...

venerdì 4 luglio 2008

Destinatario irrintracciabile!



Stamattina, come al solito, ne dovrei fare mille, invece accendo il computer, mi perdo in tutti i vostri bellissimi blog, scrivo qualche commentino, controllo la posta...Ed ecco che tra poco la supermum tornera' a casa dicendo qualcosa tipo "scendi che partiamo" e io ancora non nemmeno approntato un borsone, una borsetta, un borsello...Tra le tante cose che dovremmo fare questo we oltre ad andare a trovare la supergranny ci sarebbe un giretto per i primi saldi, chiaramente con il mio conto corrente l'unica cosa che mi posso permettere è H&M o al massimo Zara...potrei permettermi anche Asos, in realtà, se loro potessero permettersi me e il mio indirizzo! Ieri infatti, una certa Carienne del servizio clienti asos, ha risposto alla mia mail, modestamente scritta in perfetto incazzoinglese (perchè le parolacce sono la prima cosa che impari nelle vacanze studio) dicendomi che la società di consegne ha avuto problemi con il mio indirizzo (sgrunt) e che avrebbe dato loro il mio numero di telefono per chiamarmi e metterci d'accordo. Ora, che te lo dico a fa', non mi ha chiamato proprio nessuno. Ora sono in attesa che la sopracitata Carienne mi dica dove si trova il deposito di questa compagnia di consegne, cosi' me le vado a prendere io e tanti saluti. Stamattina ho anche fatto un giro nei siti dei principali giornali italiani e stranieri, ovviamente non si parla che della liberazione di Ingrid Betancourt, finalmente, dopo 6 anni lontana dalla sua vita, dai suoi figli, dalla sua famiglia e dalla sua battaglia. Fiordisale ha scritto un post favoloso sull'argomento, dategli un'occhiata. Sempre piu' spesso ormai mi domando come sia possibile che su questo pianeta ci siano realtà tanto diverse, e di quanto, ancora piu' spesso, non ci rendiamo conto della immensa fortuna che ci è capitata: affacciarci dalla finestra e vedere la città che vive, con le persone che vanno a lavoro, a fare la spesa, a scuola. Stamattina la mia valle poi sembra piu' bella del solito: spesso quando parliamo, io e i miei amici, della provincialità della nostra città, della mancanza di divertimenti per noi, ci ritroviamo a dire che è bruttissima e che speriamo di non doverci trascorrere tutta la vita. Ma non è del tutto vero: ci sono soprattutto due momenti in cui l'adoro. Quando la guardo dalle mie finestre: da quella della mia camera sembra quasi di poter toccare le montagne che ci circondano, loro sono sempre lì, rassicuranti, forti, imponenti.Poi diventano colline, verdissime in questo periodo, e arrivano fino a giù, da noi. Dalla vetrata del salotto, invece, le punte dei pioppi e dei cipressi coprono quasi del tutto le fabbricone bianche (già, siamo una città prettamente industriale!) sembra quasi che ci sia un'immensa distesa verde, fino alle colline e alle montagne che da questa parte sono coperte da un po' di foschia.. L'altro momento in cui l'adoro e quando torno da Roma, esco dalla galleria e mi trovo davanti tutta la vallata: a me toglie il fiato. Non è il colosseo, non è come piazza navona, non è la fontana di trevi, ma è un po' una parte di me e stamattina è piacevole anche sentire gli uccellini che cinguettano (magari se cominciavano piu' tardi delle 6 co' sta' tarantella...:)) ). Buon weekend a tutte, io forse avrò anche la prova costume! Vi farò sapere come va!




  • Quiche leggera con piselli ed emmenthal

  • pasta sfoglia (e vabbè, io uso quella pronta eh...)

  • 150g di pisellini freschi o surgelati

  • 80g circa di emmenthal tagliato sottile

  • 250ml di latte (io ho usato quello scremato)

  • un cucchiaio di parmigiano

  • 2 uova

  • sale e pepe

  • olio e.v

  • mezzo scalogno

in un pentolino ho messo un cucchiaio d'olio e lo scalogno diviso in due, ho fatto andare qualche minuto e poi ho aggiunto i pisellini, li ho fatti rosolare bene, ho salato e pepato e aggiunto un mestolino di acqua calda per completare la cottura. Ho rivestito una teglia per crostata da 24cm con la pasta sfoglia, bucherellato bene il fondo e sistemato i bordi. Solitamente sul fondo delle quiche metto sempre un affettato (di solito pancetta!) per dare piu' stabilità al fondo, ma questa volta c'era un vegetariano, e, per evitare che mettendo l'emmethal il fondo si bagnasse troppo e facesse diventare molla tutta la quiche, ho fatto fare alle fettine di formaggio un giro di circa 15 minuti in freezer (che geniaccio eh!). Ho disposto le fette di emmethal in uno strato ordinato sul fondo della torta. Ho preparato la "crema" sbattendo le due uova con sale e pepe, il parmigiano e aggiungendo il latte lentamente a filo, per tenere d'occhio la consistenza (volendo potete usare panna da cucina!se vi piace..certo non sara' light!). Ho disposto i piselli sopra al formaggio, coperto con la "crema" e infornato a 180° per circa 45 minuti. Una bella fetta di questa quiche è perfetta per pranzo, magari con un'insalata!

mercoledì 2 luglio 2008

Quante domande...


In questi giorni di studiare manca proprio la voglia di base, quella che, anche in condizioni critiche, ti spinge a finire il capitolo sull'onda del: "diamoci una mossa cosi' cambiamo argomento".Risultato:dovrei finire il programma entro domani e invece sto qui a fantasticare e a cercare di risolvere il problema vacanze, che solitamente affrontiamo intorno al 25luglio e quest'anno invece è gia' qui a tormentare...me. Già, perchè il mio Lui, quel furbacchione del mio Lui, prima tira il sasso ("mi hanno proposto questo!") e poi scappa in esilio del titolo "pensaci-tu-che-io-ho-l'esame". Se ero gia' perplessa all'idea della barca come sistemazione (non sono proprio un lupo di mare e nessuno di voi votò nuoto al sondaggione invernale sullo sport da praticare!), mi ero rassicurata e pure un po' gasata a dir la verità, vedendo alcune foto di presunte accomodations, e avevo tirato un sospiro di sollievo nel vedere che la disponibilità di aria nelle cabine era superiore ai 36-37 minuti. Questo fino a ieri. Quando, essendo io l'unica parte della coppia in questo momento con disponibilità di connessione internet, mi mandano la foto della barca. 12metri da dividere in 6 persone, più lo skipper. 3 cabine doppie (mi chiedo dove dormirà lo skipper) e 1 bagno in 7. Senza contare lo spazio esterno, dove per prendere il sole nell'unico punto in cui si puo' stendere un asciugamano (e sottolineo un) dovremo fare la conta, o se va male, a botte. Per cui sono in attesa che il mio lui veda queste foto ed esprima le mie stesse perplessità...e nel frattempo ho un altro amletico dubbio sull'immediato futuro...
...perchè mi sono ricordata che tra pochi giorni dovrò rinnovare l'assicurazione della macchina, che proprio una carezza non è, dare l'anticipo per la famigerata vacanza e mettere via qualcosa per partire. Per cui a questo punto non so se investire in nuovo materiale per collane o andare direttamente e fin d'ora a comprare l'indispensabile per le vacanze in quel della Bufalotta (leggi Zara e H&M) sperando in contributi economici da...chiunque...A proposito, volete una collana? Stavo pensando di aprire un nuovo blog solo per le mie creazioncine, visto che ho tolto le foto per rinnovarle e poi non le ho piu' messe...che ne dite? E devo anche fare un regalo a mio padre, datosi l'imminentissimo compleanno...Intanto chiamo l'assicurazione per sapere quanto mi vogliono rubare questo semestre... Voi mi consigliate un po' su tutto per favore? :) E se ve lo state chiedendo, no, ancora niente pacco asos...sgrunt!

E allora meglio consolarsi con questa mousse di yogurt, semplicemente fatta aggiungendo allo yougurt che preferite due foglietti di colla di pesce (4g ogni 500ml di yogurt), ammorbidita e strizzata in acqua fredda e sciolta in un cucchiaio o due di latte scremato caldo. Avevo le fragole e qualche ritaglio di pan di spagna, che ho messo sul fondo delle coppe prima di metterla in frigo un paio d'ore a rapprendere, e poi, prima di mangiarla, anche sulla superficie. Golosa, fresca e light, che non guasta mai!

E mi raccomando aspetto i vostri consigli in mattinata (dopo sara' troppo tardi)...:)

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

TAGS

dolci cioccolato buffet fingerfood eventi light torte oggi non si mangia biscotti primi piatti emozioni formaggi verdura dolci al cucchiaio me antipasti pesce piatti unici natale colazione ricotta crostate cucina internazionale panna contest estate merende shopping uvetta vegetariano carne piatti freschi glassa pane pensieri sfizi caffè lievitati limone pomodoro recensioni ricette al forno nocciole umbria zucchine agrumi cipolla formaggio mandorle pasta di zucchero ristoranti brunch confort food frutta gnocchi home made insalate merenda noci pistacchio pranzi secondi senza burro Kenwood Chef Cooking arancia basilico caramello crudo cucina regionale gelato meme pasta pinoli piselli primavera zenzero zucca autunno burro cene condimenti etsy marmellata melanzane miele mousse semifreddi trasferte Terni bicchierini carote contorni creme fritto giveaway happy hour icone idee golose da regalare meringa sfoglia siti solidarietà speck spuntini the birthday party project torte salate verza zuppe Instagram Santin Torino agrodolce bloggheanno broccoli cannella carpaccio cioccolato bianco collaborazioni conserve crema creme brulee dieta proteica fave feste finocchio fiori di zucca mandarini martedi della moda mele olio olive out topic pasqua pasta fresca piccola pasticceria ricette base risotti viaggi vini wish list Abruzzo Germania Molise cacao calcio cheesecake cupcakes fragole gratin liquore Strega maionese menta moda orrore pasta ripiena peperoni porro raccolte salse torte decorate torte per bambini yogurt Berlino Gaeta Genuino Clandestino Gli Ingredienti Segreti dell'Amore Handmade Identità Golose Juve Mercato Brado Milano Monaco di Baviera Narì bed&breakfast Narì ristorante Paste di Meliga Roma San Valentino Secondi piatti Swiss Cheese Parade Zafferano Zafferano di Cascia amref anatra baccalà bignè biscotti energetici biscotti. meme burro di arachidi burro di noccioline carne cruda castagne cavolfiore cena in bianco di torino cereali charli cheesecake fredda cheesecake senza cottura chef cime di rapa composte cucina cinese cucina orientale cucina sana dai peso al natale davide scabin dior download eataly foie gras fois gras francesco apreda gianduia gorgonzola guanciale healthy healthy food iniziative inverno jovanotti kitchenaid la granda la tramontina lasagne legumi lime luca montersino macarons mangiare a Gaeta mangiare a Torino mangiare a Vasto marco stabile mollica molluschi mozzarella di bufala musica nutella pancakes pasta brisè pasta fillo pasticceria patate patate viola pere piemonte pink pizza pollo premi quiche quiche alsacienne quiche lorraine quiche vosgienne radicchio remoulade remoulade di sedano rapa riso rosso roma food and wine festival rosa cipria rosmarino roveja salsa bernese salutiamoci sedano rapa semi di girasole semi di zucca sesamo spinaci street food tartufo the hummingbird bakery torrone torta alla nutella torta skate vapore vongole
Con un Poco di Zucchero
tutti i diritti riservati - vietata la riproduzione anche parziale