giovedì 29 maggio 2008

Caricaaaaaaa!


Ammazza i medici, che brutta categoria! Speriamo di non diventare così! :) E' stata una bruuuutta settimana questa, ma oggi, come dice la supermum, ho "ripreso pigolo" e quindi..eccomi sui libri, non sembra ma sto studiando. Giuro! Vabbè, un po' di public relations concedetemele, un giretto sui blog, un po' di mail arretrate...(Sembro un po' quella pubblicità brunch-lunch-loft...?) e stasera mi sa che porto la supermum a cena fuori. Visto che le scarpe non le ho comprate, investo i soldini in una cosa altrettanto piacevole no? Ma sicuramente non prima di aver finito l'insufficienza renale (capitolo54)...e di avervi raccontato la mia prima esperienza seria con il pesce. Anche se magari da questa e dalle prossime due pubblicazioni vi sembrera' il contrario, siamo arrivate a una conclusione importanti, qui a casa conunpocodizucchero: o il pesce non ci piace, o il pesce non ci piace quando lo cuciniamo noi. Va bene che non ci arriva il mare su nessun confine regionale, va bene che non abbiamo sangue marino in nessun ramo del nostro albero genealogico, ma tutte le cosine creative che ci vengono in mente con tutto il resto, con il pesce non ci prendiamo soddisfazioni, o almeno non quelle che vorremmo. A parte nei rari, rarissssimi casi che vedrete prossimamente su questi schermi... come questo!
  • Pennoni lisci di Gragnano con scampetti e datterini (per 2)
  • 200g pennoni lisci
  • 400g scampetti
  • un porro piccolo
  • una carota
  • uno scalogno
  • una costa di sedano
  • olio e.v.
  • sale e pepe
  • 10-15 pomodorini datterini
  1. Pulire gli scampetti togliendo la testa e i gusci ed eliminando l'intestino (il filino nero interno per capirci...). In un pentolino preparate la bisque: mettete le teste, i gusci, le chele, un filo d'olio.Aggiungete anche la carota, il sedano, lo scalogno, il porro e 4-5 pomodorini, il tutto tagliato a pezzi. Aggiungete circa 200ml di acqua, sale e pepe e mettete sul fuoco basso per circa mezz'ora, avendo cura di pressare bene gli ingredienti di tanto in tanto.
  2. Nel frattempo preparate una padella che possa poi contenere anche la pasta, mettete un cucchiaio d'olio a scaldare e poi i pomodorini tagliati a pezzi per un paio di minuti,; aggiungete gli scampetti puliti e spegnete il fuoco.
  3. Filtrate bene la bisque con un colino a maglie fini,e mettetela sul fuoco a ridurre, deve addensarsi leggermente, qualcuno aggiunge anche un po' di farina per ottenere maggiore densità. Quando è pronta, versatela nella padella e aggiungete anche la pasta che avrete scolato un minuto prima della cottura completa, saltate la pasta e terminate la cottura, poi cospargete, se vi piace, di prezzemolo tritato e servite.

questa era veramente ma veramente buona! E l'ho fatta tuuuutta da sola... :)

martedì 27 maggio 2008

Il tempo vola...


Mi era venuta una voglia incredibile già quando avevo visto questa sua, quando poi è arrivata la supermum con il nuovo numero di sale e pepe con una sezione dedicata alle torte da merenda ho capito che non potevo esismermi da una innocente e dimensionalmente ridicola torta da colazione. Del resto la dieta è appianata in una settimana piu' soft causa le innumerevoli malattie che sto prendendo una dopo l'altra, da quel che ho studiato finora i microrganismi dovrebbero essere finiti ("ce l'ho, ce l'ho, questo mi manca.." un po' come facevo da piccola con l'album dei calciatori)... Quindi via, concentrazione, studio matto e disperatissimo, tentando di tenermi piu' lontana possibile dal nemico numero 1 dello studio (leggi: il pc) e qualcosa di dolce da mangiare nelle pause (scarse)... E nel frattempo è arrivata l'estate...se ci penso mi sembra ieri capodanno invece porcapaletta il tempo non vola, di più...

  • Torta margherita al vino passito (per uno stampo da 20cm)
  • 180g farina
  • un cucchiaino di lievito
  • 3 uova
  • 170g zucchero
  • 1,2 dl di olio di semi
  • 1,2 dl di vino bianco passito
  • un limone non trattato
  • un'arancia non trattata
  • zucchero a velo
  • sale
  1. lavare l'arancia e il limone e grattugiare la scorza. Montare le uova con lo zucchero finchè sono chiare e spumose e aggiungervi la scorza degli agrumi. Versare l'olio a piu' riprese mentre il mixer continua a montare, alternandolo al vino passito. Unite infine farina setacciata con lievito e un pizzico di sale
  2. versate l'impasto nella tortiera rivestita di carta da forno bagnata e strizzata e mettete in forno caldo a 180° per 45 minuti. A cottura ultimata lasciatela raffreddare, formatela e cospargete a piacere di zucchero a velo.


giovedì 22 maggio 2008

PER NON DIMENTICARE, MAI.


"Non li avete uccisi
le loro idee
camminano sulle nostre gambe"
"Migliaia di ragazzi in piazza a Palermo un saluto alla bara del giudice Falcone, hanno bisogno di una risposta. Hanno bisogno di protezione. I ragazzi son stanchi dei boss a potere; i ragazzi non possono stare a vedere, la terra sulla quale crescerà il loro frutto bruciato ed ad ogni loro ideale distrutto. I ragazzi denunciano chiunque acconsenta col proprio silenzio un'azione violenta. I ragazzi son stanchi e sono nervosi, in nome di Dio a fanculo i mafiosi. I ragazzi denunciano chi guida lo stato per non essersi mai abbastanza impegnato, a creare una via per chi vuole operare, senza esser costretto per forza a rubare, per creare una via per gli uomini onesti, per dare ai bambini valori robusti che non crollino appena si arriva ai 18, accorgendosi che questo mondo è corrotto. I ragazzi non credono alcuna parola di quello che oggi c'insegna la scuola. I ragazzi diffidano di ogni proposta non stanno cercando nessuna risposta, ma fatti, giustizia, rigore morale da parte di chi calza questo stivale. I ragazzi hanno il tempo che gli tiene in ostaggio, ma da oggi hanno deciso di farsi coraggio, cultura di pace, coraggio di guerra, il coraggio di vivere su questa terra e di vincere qui questa nostra battaglia, perché quando nel mondo si parli d'Italia non si dica soltanto la mafia, i mafiosi, perché oggi è per questo che siamo famosi, ma l'Italia è anche un'altra, la gente lo grida: i ragazzi son pronti per vincere la sfida. "
Il 23 maggio 1992 sull'autostrada A29 500kg di tritolo hanno cancellato Giovanni Falcone, sua moglie e 3 uomini della sua scorta. Sono passati 16 anni ma il pensiero mafioso e la mafia inquinano ancora il nostro paese, non dobbiamo e non possiamo abbassare la guardia..Non dimentichiamoci mai di chi ha dato la propria vita per difendere la legalità e la giustizia..
"L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo, altrimenti non è più coraggio ma incoscienza"

martedì 20 maggio 2008

A volte la musica è troppa!


Io avevo capito che ormai era estate, ma si vede che avevo capito male! Sono 3 giorni che piove, s'è allagata mezza città tanto bene oggi che ho deciso di andare dal parrucchiere. Quei geniacci dei miei prof hanno avuto la brillantissima idea di spostare nuovamente il tirocinio in una data che si potevano decisamente risparmiare..Li stramortacci loro...Nel frattempo ho pensato che fosse una decisione piuttosto saggia togliere l'automatico dalla playlist, visto che quando arrivo sul mio blog, parte subito "come musica"; inizio a visitare i miei blog preferiti aprendo per ognuno una nuova scheda e iniziano a sovrapporsi millemilioni di melodie che nemmeno alla corrida c'è tutto sto casino! Certo, il sottofondo musicale è tanto bello, però quando è troppo è troppo! Nel frattempo qualcosa di semipositivo è successo, domenica sera, mentre camminavo per andare a cena con il mio lui, ho avuto un colpo di fulmine, ampiamente corrisposto purtroppo. Ho provato a far finta di nulla, anche perchè il mio lui si stranisce per questi miei colpi di testa, ma non ci sono riuscita, dovevo per forza avvicinarmi meglio, seguire quel vago bagliore che mi aveva già rapita: " Amore, attraversiamo per favore?" Ho detto facendo gli occhi dolci. "E dai, ma ti pare possibile una cosa del genere?" Ma ormai non lo sentivo quasi piu'. Il mio oggetto del desiderio era li, non proprio in primo piano, ma elegantemente appoggiato sul ripiano dietro il divanetto di prova. Oooh..un sogno.. Tacco a spillo non tanto alto che dice: "Mettimi anche di giorno", due listini di pelle tempestati di cristalli davanti, uno dietro la caviglia. Dopo un intero minuto di adorazione il mio lui mi ha tirato via sull'onda del "Ma dai, ce l'hai uguali!", cosa assolutamente non vera, che mi sento in dovere di smentire ufficialmente (i miei sono dorati e non hanno alcun cristallo...) tramite tutti i mezzi di comunicazione che sono alla mia portata. Detto questo, per dovere di cronana ovviamente, oggi pomerigio approfittando dell'assenza del mio lui, vado a dare una sbirciatina al prezzo..infondo l'amore fa fare follie..!

  • Parmigiana di melanzane light
  • una melanzana lunga grande (360gr)
  • 100g di salsa di pomodoro
  • 100g mozzarella
  • basilico
  • 4 cucchiaini d'olio e.v.
  • parmigiano reggiano

Tagliare le melanzane a fette e far scaldare una bistecchiera. Cospargerla di sale grosso e grigliare le melanzane dopo aver spennellato un lato con l'olio. Scaldate il forno a 200° e in un pentolino la salsa con un pezzetto di cipolla e basilico. Io ho usato 4 minipirofile monoporzione, coprendo il fondo con un po' di pomodoro. Ho messo la prima melanzana, un po' di mozzarella tritata un cucchiaino di pomodoro e un pezzetto di basilico, poi di nuovo una melanzana e via via fino ad esaurimento degli ingredienti. Infine ho spolverato di parmigiano e messo in forno 10 minuti. Per due persone, a dieta, due stampini a testa!


domenica 18 maggio 2008

Il nastro arricciato che la domenica lega il vassoio delle paste


Domenica: il sole fa capolino dalle nuvole, il libro mi aspetta aperto sul tavolo anche con l'evidenziatore vicino, mi chiamano ma io voglio molto piu' bene al divano. L'ultima giornata di campionato e il brutto tempo degli ultimi giorni sono la causa del silenzio che entra dalla finestra, la supermum con l'influenza che si lamenta perchè non puo' uscire ( e come me non ama molto stare in casa malaticcia..) il mio mitico micio sdraiato al sole che ronfa rumorosamente. Come lo invidio! Riesce a dormire in qualsiasi situazione e momento. Oggi il mio lui, per cui la domenica vuol dire quasi esclusivamente pranzo, quando gli ho detto che non avremmo mangiato niente di particolare causa dieta si è presentato prima di pranzo con un mini cabaret di mignon, che ho aperto dopo mangiato con la curiosita' con cui arrivo la sera della vigilia sotto l'albero di natale. Oltre al babà e al diplomatico per la supermum, c'erano ben due ciambelline con la panna e la glassa al cioccolato, una meringa doppia con la panna in mezzo e due bicchierini di cioccolata. Slurp! E' andata a finire che li ho mangiati tutti, infondo oggi è domenica e loro erano veramente piccole! E poi ieri sono tornata da una spedizione punitiva di shopping con solo una camicetta, quando avevo idee e progetti ben piu' bellicosi, e tornare delusi da una seduta di shopping rimandata per settimane, si sa, fa venire molto nervoso! E' tutto rimandato alla prossima spedizione, data da definire, meta da scegliere tra Outlet di castel romano, Pescara o la zona marchigiana piena di factory...tanto andiamo a gas...
nella foto: tartina con crema di piselli, prosciutto crudo e pecorino

mercoledì 14 maggio 2008

Non si può scegliere un sogno



Gli occhi non sanno vedere quello che il cuore vede

La mente non può sapere quello che il cuore sa

L'orecchio non può sentire quello che il cuore sente

Le mani non sanno dare quello che il cuore da

C'è un temporale in arrivo senti l'elettricità

C'è un temporale in arrivo sulla mia città

Porta novità porta novità

Il lupo perde il pelo io perdo le occasioni

Ma non so perdere il vizio delle emozioni

La vita è più interessante delle definizioni

E tutto quello che arriva da qualche parte va

Gerusalemme è divisa sotto ad un solo cielo

E la mia mente è divisa dentro ad un corpo solo

Un meridiano per forza incrocia un parallelo

Determinando la sorte di molta umanità

E tutto quello che sappiamo non è vero

Si perdono le origini nel buco del tempo

Ma tutto si conserva nelle profondità

Sia l'elefante che il topo non avranno scampo

La legge della savana li governerà

Non si può scegliere un sogno non si può scegliere

Quando ti arriva ti arriva non c'è niente da fare

Le previsioni del tempo si posson prevedere

Ma un temporale che arriva non lo puoi fermare

Si danza per invocare la fertilità

Si danza prima del sesso o di un combattimento

Si danza per riscaldarsi dal freddo che fa

Si danza per imitare il lavoro del vento

Quando non so dove sono io mi sento a casa

Quando non so con chi sono mi sento in compagnia

Quando c'è troppa virtù il cuore mi si intasa

La cura è spesso nascosta dentro alla malattia

C'è un temporale in arrivo senti l'elettricità

C'è un temporale in arrivo sulla mia città

Porta novità porta novità

Quando tu hai fame nessuno può mangiare per te

Quando io ho sete nessuno può bere al posto mio

Anche gli automi hanno un cuore di alluminio puro

Pronto per farci passare l'amore del futuro

Abramo lascia la casa senza sapere niente

Si mette in strada lasciando quel che sapeva già

E il trapezista si gioca tutto continuamente

Per pochi soldi ed per un brivido di libertà

L'autista di scuolabus ha in mano la nazione

Più di un ministro di un Papa o di un'autorità

E c'è una terra di mezzo tra il torto e la ragione

La maggior parte del mondo la puoi trovare là

Lavori in corso ci dispiace per l'inconveniente

Hanno scoperto una casa dell'antichità

Due scheletri abbracciati qualche osso poco o niente

Ma il loro bacio va avanti per l'eternità

C'è un temporale in arrivo senti l'elettricità

C'è un temporale in arrivo sulla mia città

Porta novità porta novità

L'antico impero cinese accolse Marco Polo

Perchè era un giovane mercante di immaginazione

Non servono grandi ali per spiccare il volo

La vita è molto più vasta di una definizione

E stanno tutti aspettando che succeda qualcosa

Che tolga il velo di polvere dalla realtà

E stanno tutti aspettando che arrivi la sposa

Coi fiori in mano e una promessa di felicità

Problemi di digestione ispirano romanzi

Rivelazioni che nascono nell'acidità

Un pò di bicarbonato dopo certi pranzi

Si eviterebbe lo scontro delle civiltà

Gli uccelli volano bassi e sfiorano l'asfalto

E i cani stanno in silenzio con aria d'attesa

La foto sulla parete mi segue con lo sguardo

Nessun allarme per ora nessuna sorpresa

E l'invincibile non è quello che vince sempre

Ma quello che anche se perde non è vinto mai

L'intelligenza è nel corpo il sapere nel cuore

Se pensi sempre ad un muro un muro troverai

Mi son trovato memorie che non sono mie

Ho un solo nome ma almeno cento identità

E' naturale preferire le belle bugie

Alla durezza di ghiaccio di certe verità

Viviamo comodi dentro alle nostre virgolette

Ma il mondo è molto più grande più grande di così

Se uno ha imparato a contare solo fino a sette

Vuol mica dire che l'otto non possa esserci


Oggi mentre tornavo da Roma e andavo dal sole verso un cumulo di nuvoloni neri, l'ipod ha scelto per me questa canzone, manco a farlo apposta. Tornavo incavolata nera con un professore che ci ha spostato un'esercitazione al giorno prima di un altro esame scombussolandomi come sempre tutti i miei bei programmini tra le loro belle virgolette. E vabbè, tanto decidono loro. In queste notti ho fatto dei sogni strani, di cui non riesco a capire il significato ma che mi lasciano molto turbata. Una serata con un paio di amiche mi puo' solo far bene! Nel frattempo, continua la dieta: avevo mangiato in un ristorante un po' di tempo fa degli gnocchi di ricotta leggerissimi e molto gustosi, cosi' ho improvvisato qualcosa di simile e sono venuti fuori loro, facilissimi, rapidissimi ma d'effetto e molto buoni. Oltretutto poco calorici e quasi indenni da grassi. Se li provate ve ne innamorerete subito!
Gnocchi di ricotta su passatina di piselli e basilico
  • 250g ricotta
  • 2 cucchiai rasi di farina
  • basilico, salvia e erbacipollina
  • sale e pepe
  • un cucchiaio di olio e.v
  • un pizzico di noce moscata
  • 200g pisellini novelli
  • mezza cipolla
  • un cucchiaio di raso di parmigiano

In una boule mescolare bene la ricotta con le erbette tritate (tranne il basilico che va spezzettato a mano per evitare che cambi sapore), il parmigiano, sale, pepe e noce moscata. Aggiungete la farina aspettando di incorporare il primo cucchiaio prima di aggiungere il secondo. Far riposare in frigo e preparare poi degli gnocchi nella forma che preferite. Portare ad ebollizione una pentola di acqua salata e far cuocere gli gnocchi finchè non vengono a galla. Scolarli con una schiumarola e porli nei piatti in cui avrete gia' messo la passatina di piselli, che si fa come questa, ma mantenendola piu' densa e aggiungendo il basilico a fine cottura. Completate se volete con una spolverata di parmigiano.

martedì 13 maggio 2008

Quando i buoni propositi prendono vita...


Siete pronti per la prova costume? Lo so che dopo questa frase mi state odiando addirittura piu' che dopo aver letto i miei ultimi post, però se come me vi siete accorti da poco che siamo in maggio, qualche domandina di questo tipo ve la sarete fatta anche voi, suvvia, non negatelo! E allora ho deciso che questa sara' la prima settimana di remise en forme, che si destreggerà con eleganza tra (almeno per me, necessariamente in questo ordine):
  1. studio: quello che fino a pochi (...) anni fa era il periodo piu' bello dell'anno (leggi:estate) si è trasformato inevitabilmente nel periodo piu' pesante dell'anno (leggi: sessione estiva) quando le date d'esame si accavallano, è caldissimo e vorrei far tutto fuorchè appassire sui libri e rimango inevitabilmente la piu' pallida e bianchiccia del gruppo... Alla fine, pero' ci saranno le tanto sospirate vacanze, ovviamente ancora in tutto da programmare...
  2. ginnastica/movimento: per staccare dallo studio un'oretta al giorno, step e aerobica tanto perchè quando mi metterò finalmente in costume oltre ad essere bianchiccia non vorrei essere anche..molliccia, via...
  3. dieta: per le motivazioni di cui sopra

indipercui, vi renderò partecipi delle mie ricettine light, almeno quando esuleranno da pettoditacchino+insalata, bresaolarucolaegrana e altre tristezze, perchè vabbè che uno si mette a dieta (che poi stranamente quando ti metti a dieta è quando ti mangeresti pure i puff del divano spalmati di nutella e mascarpone, cosa che in condizioni normali non ti verrebbe neanche in mente) pero' mica sta scritto da qualche parte che bisogna soffrire fino in fondo!

Per cominciare, questo è un piatto che per me sa proprio di estate (anche se qui stamattina piove) e non mi fa sentire proprio a stecchetto, come per questa ricettina qui, per l'interno potete sbizzarrirvi come piu' vi suggerisce la fantasia, tanto con la ricotta sta bene tutto

Timballino di melanzane con pomodoro e ricotta

  • melanzane lunghe
  • 300g ricotta fresca
  • erbette aromatiche a piacere
  • parmigiano grattugiato
  • sale e pepe qb
  • olio e.v
  • filetti di pomodoro o pomodorini o salsa di pomodoro

Tagliare le melanzane nel senso della lunghezza, metterle in uno scolapasta a strati intervallati da sale grosso e porre un piatto e un peso sulla sommità, in modo da pressarle e far perdere loro l'amarognolo. Nel frattempo accendete il forno a 190° e lavorate la ricotta con le erbette aromatiche (la mia preferita per questo piatto è il basilico), un cucchiaio scarso di parmigiano grattugiato, sale e pepe. Dopo una ventina di minuti sciacquate bene le melanzane sotto l'acqua corrente e asciugatele con la carta assorbente. Fate scaldare una bistecchiera o una padella antiaderente e grigliate le melanzane per qualche minuto, facendo attenzione a farle rimanere integre. Aiutandovi con un pennello da cucina, ungete degli stampini adatti al forno, ma con i bordi abbastanza alti, e rivestiteli con le melanzane.Salate e pepate l'interno dello stampino cosi' ottenuto e riempitelo con il composto di ricotta, infine chiudete con un'altra fetta di melanzana. Andate avanti fino ad esaurimento degli ingredienti e infornate i timballini per 15-20 minuti, guardandoli spesso durante la cottura. Sformateli quando sono ancora caldi e serviteli con dei filetti di pomodoro, con un'insalata di pomodorini o con una salsa di pomodoro.

ps:chiedo scusa per la foto oscena...

lunedì 12 maggio 2008

Il crostino della solidarietà!


L'emicrania ha continuato a tormentarmi fino a sabato, facendomi trascorrere la sera piu' importante della settimana a casa, tra i peggiori programmi mai concepiti per la tv. Per fortuna sono riuscita a fare qualche gridolino di euforia, di ammirazione, della serie "evvai!c'è ancora qualcuno che ha il coraggio di dire la verità! Qualcuno che non ha paura di dire in diretta tv come stanno veramente le cose!" grazie a quest'uomo, che ha detto questo e questo ed ha tutta la mia solidarietà. Certo euforia durata meno di 24ore, perchè come era prevedibile e come è successo gia' pochi anni or sono, la libertà di parola in questo paese non c'è piu'. O meglio, la verità in questo paese non si puo' piu' dire. Bisogna parlare con frasi di facciata, usare i paraocchi, tanto la prima notizia al tg è che l'Inter ancora non ha vinto lo scudetto e la Roma è solo a un punto! Com'era qulla canzone? Ah, si " Non togliermi il pallone e non ti disturbo piu'..."
  • tornando ad argomenti piu', diciamo consoni, questo semplicissimo crostino è stato definito il crostino perfetto da chi l'ha mangiato, come se fosse chissà quale elaborata invenzione culinaria. Avevo preso l'idea in un libro preso in edicola dal titolo "Bruschette e Stuzzichini" che mi ha poi spinto a fare l'happyhour per il mio compleanno: tuttavia nella sua semplicità è davvero buonissimo, l'originale prevedeva Bufala o Burrata, non ricordo esattamente, ma in ogni caso preparando i crostini qualche ora prima, temevo avrebbe bagnato troppo il pane, quindi ho usato lo stracchino. Sopra si mette una strisciolina di pesto e due rondelle di pomodorino datterino condito solo con olio e sale. Davvero molto buono e perchè no, anche molto estivo, magari per una cena in terrazza in versione crostone!
  • Ah, so che avevo detto che sarei tornata nei canoni del blog, ma non è colpa mia se ogni giorno succede qualcosa di viscido, subdolo e agghiacciante!

venerdì 9 maggio 2008

Il paese delle mezze verità


Ieri ho passato la giornata a combattere con la mia solita emicrania mensile, e nonostante io mi sia battuta a colpi di antidolorifico, ha vinto lei 3 a 0. Stamattina, visto che al risveglio il tamburo che avevo ieri nella testa si era quantomeno affievolito, ho deciso di guardare almeno un tg, tanto per sapere a che punto stavamo. E lì ho capito perchè c'era la mia emicrania, inconscia. Ieri si è insediato il nuovo governo! Aspetta, mi sono detta ricacciando indietro il brividino di terrore lungo la schiena, non partire prevenuta, non partire prevenuta, non partire prevenuta. So che ci sono 3 precedenti possibilita che hai dato a quest'uomo, e ogni volta, avevi pensato bene pero' aspetta. Vediamo chi ha messo nei vari ministeri. Che avrebbe dato ben 4 cariche a esponenti di un partito che è anticostituzionale e che istiga alla violenza, lo sapevamo già. E vabbè. Tanti nomi conosciuti, La Russa, Frattini, Maroni, Tremonti...Alfano alla giustizia. Oh! Vedi che eri prevenuta, Alfano è uno nuovo! Ebbravo Silvio! Rapida ricerchina su internet, uhh! E' giovane! Appena 38enne! Siciliano, laureato in legge, avvocato, fedele a...Cuffaro...in un video acquisito dalla procura bacia un importante boss mafioso... Vabbè dai, aaspetta! Andiamo avanti, Calderoli, Prestigiacomo, Gelmini...Gelmini? Ecco un'altra che non conosco, una donna, ah, anche lei giovane, bene!Lombarda, avvocato...oh Gesù! " Nel 1998 è stata prima degli eletti alle amministrative ricoprendo, fino al 2002, la carica di Presidente del Consiglio del comune di Desenzano. Tuttavia nel 2000 fu sfiduciata da presidente del consiglio comunale per inoperosità. La sfiducia fu votata da tutti i consiglieri dell'opposizione e da alcuni della maggioranza" Ah. Bene. Facciamo basta va, i prossimi li guardo domani che mi sta tornando mal di testa, solo un'ultima minuscola cosa, per tutte le donne, ecco chi ci garantisce le nostre pari opportunità, se questo non è il fondo..
So che questo pensiero esula dal solito contenuto del mio blog, ma penso che a volte il nostro bel paese ci mette davanti a situazioni che nemmeno tutte le tartine del mondo (nella foto una semplicissima con gamberetti scottati e conditi con senape e maionese allo zenzero, con julienne di insalata e prezzemolo riccio) possono mandare giù.. Cercherò di rientrare nella normalità prima possibile! ( Soprattutto per te Elisa, che non gradisci molto queste elucubrazioni)

martedì 6 maggio 2008

La Torta della Nonna


Quello che mi chiedo da circa 24 ore è: chi fa le previsioni del tempo? Nel senso, essere un metereologo si puo' definire un vero lavoro? Come sapete, ieri dovevo andare a Roma, fare una passeggiata in centro con il mio lui e poi andare a una cena di laurea. Domenica sera vado sul canale meteo di sky e vedo il tempo per lunedi: qui pioveva solo la mattina, poi rasserenava. A roma nuvole col sole tutto il giorno. Perfetto. Lunedi mattina qui parte una bella giornata poi si annuvola (o rannuvola?), applausi per sky. Ma quando arriviamo a Roma piove cavolo! Non si puo' illudere la gente cosi'! Cmq, visto che oltre al mio lui c'era anche il mio mezzo fratello e non potevo costringere non uno ma ben due uomini a vedermi provare millemilioni di cosette abbiamo deciso di ripiegare su... un'esperienza fighisssssima che intendevamo provare da mesi, l'aperitivo in quello che secondo l'autorevole guida dei bar d'Italia, è il posto migliore in assoluto. Sorvolando su tutte le cosine che abbiamo dovuto inventare per il fatto che non eravamo dove dovevamo essere, l'aperitivo è stato molto molto buono, a parte il fatto che forse ci dovevano dar qualcosa per tamponare l'alcol, qualcosa da mangiare intendo!Niente di niente di quel che avevo visto nel servizio in tv,pazienza. E' stata comunque una bellissima, bellissima giornata...



  • Torta della nonna: ingredienti per una 22cm di diametro
  • pasta frolla
  • 2 tuorli
  • 75g di zucchero
  • 25g di farina
  • la scorza di un limone
  • 250ml di latte (io lo uso scremato, mi illudo di controllare cosi' i grassi!)
  • una manciata di pinoli
  • latte per spennellare la superficie

Foderare la tortiera con la pasta frolla, sistemare il bordo e bucherellare il fondo con la forchetta. Sbattere i tuorli con una frusta e aggiungere piano lo zucchero, montandoli bene. Far scaldare il latte in un pentolino, con le scorze del limone senza farlo bollire, versarlo a filo sulla crema facendolo filtrare attraverso un colino e mescolando bene.Mettere tutto sul fuoco e far cuocere la crema per circa 7 minuti, finchè si addensa, poi metterla in una boule e farla stiepidire. Riempire il guscio di pasta frolla con la crema e coprire con un altro disco di pasta frolla. Per farla diversa dal solito, con gli avanzi di pasta frolla ho fatto dei cuoricini col tagliabiscotti e ho completato il bordo con quelli. Ho bucato con uno stecchino la superficie, spennellato con il latte e poi cosparso di pinoli. Ho infornato a 180° per circa 40-45 minuti e voilà!Ah, se avessi avuto lo zucchero a velo, sarebbe stato il tocco finale perfetto



Ringrazio Sweetcook per il premio Dilibroinlibro, che conferiro' appena ho un momentino! Sono onorata! Grazie, grazie, grazie!
ps: lo shopping è solo rimandato, forse a domani..!

lunedì 5 maggio 2008

Esistono ancora le mezze stagioni?


Alla fine di questo lungo luuungo ponte, il mio lunedi' è ancora all'insegna della vacanza!Oddio, ricordare che è lunedi' quando apro gli occhi mi da sempre un po' di "Oh no!" ma questo lunedi' è come una piccola appendice del lungo ponte!Nonostante alle 8 fossi gia' dal mio peggior nemico (leggi: dentista) in preda a mille dubbi sull'origine dell'odioso mal di denti degli ultimi 3 giorni (eh beh, i miei dentini aspettano il ponte per farsi sentire!). Gia' ieri, all'ennesimo pranzo per l'ennesimo compleanno, era iniziato il totoscommesse sulla causa del mio dolore: dente del giudizio in uscita? Otturazione fatta male? Dovro' devitalizzarlo? E invece no! Stamattina l'oracolo ha parlato, è una gengivite!Niente trapano, niente anestesia, niente punti! Solo antibiotico e gel antiinfiammatorio. Speriamo sia vero e mi passi, visto che stasera alta cena, altra festa!Dopo di che speriamo di aver finito, visto che sto per rientrare nel periodo esami-esami-esami-esami!Quindi mi godro' il mio pomeriggio romano con il mio lui, che a Roma non viene mai, passeggeremo per il centro e poi andremo a questa cena, per continuare a fare quel che abbiamo fatto piu' spesso nelle ultime due settimane..cioè mangiare...!(è un foodblog questo, cribbio!!!) E vediamo cosa saro' capace di comprarmi oggi! Nel frattempo per tenermi leggera tra una festa e l'altra e visto che avevo mal di denti e avevo disperatamente bisogno di cibi morbidi e coccolosi. Inoltre il risotto è una delle mie grandi passioni, mi piace con tutto e fuori c'era un bel sole che ispirava primavera....? O estate? Boh, sono passata in pochi giorni da maglione-piumino a magliettina-giacchettina, ho addirittura comprato un melone giallo da mangiare con il prosciutto crudo (ho pensato subito a TE! chiedo umilmente perdono per questo acquisto! ma era buono e saporito! Non ho proprio saputo resistere!)..
Risotto primavera con zucchine, piselli e burro al basilico
  • 2 zucchine
  • un pugno di pisellini novelli
  • brodo vegetale
  • riso carnaroli
  • 20 g di pinoli
  • 50g di burro
  • basilico abbondante
  • olio e.v.
  • sale, pepe
  • parmigiano

Tagliare le zucchine a brunoise e farle rosolare in un tegame da risotto con due cucchiai d'olio. Regolarle di sale e mandarle avanti con la cottura. Aggiungere i piselli e bagnare con poco brodo. Aggiungere il riso e farlo tostare, poi iniziare la cottura aggiungendo il brodo vegetale a poco a poco. Nel frattempo nel mixer mettere il burro morbido e molto basilico spezzettato con le mani. Azionatelo a intermittenza senza far scaldare le lame per non ossidare il basilico, mettete il composto in una ciotolina e poi in frigo a riposare. Quando il risotto è pronto, mantecate con il burro e il parmigiano e fate riposare; in un padellino tostate i pinoli e, a piacere, tagliate a listarelle una fetta di speck. Mettete nel piatto il risotto e cospargete con i pinoli e lo speck!

Esistono ancora le mezze stagioni?

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin

TAGS

dolci cioccolato buffet fingerfood eventi light torte biscotti oggi non si mangia primi piatti emozioni formaggi verdura dolci al cucchiaio me antipasti pesce piatti unici natale colazione ricotta crostate cucina internazionale panna contest estate merende shopping uvetta vegetariano carne piatti freschi glassa pane pensieri sfizi caffè lievitati limone pomodoro recensioni ricette al forno nocciole umbria zucchine agrumi cipolla confort food formaggio mandorle pasta di zucchero pistacchio ristoranti brunch frutta gnocchi home made insalate merenda noci pranzi secondi senza burro Kenwood Chef Cooking arancia autunno basilico caramello crudo cucina regionale gelato meme mousse pasta pinoli piselli primavera zenzero zucca bicchierini burro cene condimenti creme etsy marmellata melanzane miele semifreddi trasferte Terni bloggheanno carote cioccolato bianco contorni crema fritto giveaway happy hour icone idee golose da regalare meringa piccola pasticceria sfoglia siti solidarietà speck spuntini the birthday party project torte salate verza zuppe Instagram Santin Torino agrodolce broccoli cacao cannella carpaccio collaborazioni conserve creme brulee dieta proteica fave feste finocchio fiori di zucca mandarini martedi della moda mele olio olive out topic pasqua pasta fresca ricette base risotti viaggi vini wish list Abruzzo Germania Molise calcio cheesecake cupcakes fragole gratin liquore Strega maionese menta moda orrore pasta ripiena pasticceria peperoni porro raccolte salse torte decorate torte per bambini yogurt Berlino Gaeta Genuino Clandestino Gli Ingredienti Segreti dell'Amore Handmade Identità Golose Juve Mercato Brado Milano Monaco di Baviera Narì bed&breakfast Narì ristorante Paste di Meliga Roma San Valentino Secondi piatti Swiss Cheese Parade Zafferano Zafferano di Cascia amref anatra baccalà bignè biscotti energetici biscotti. meme burro di arachidi burro di noccioline carne cruda castagne cavolfiore cena in bianco di torino cereali charli cheesecake fredda cheesecake senza cottura chef cime di rapa composte cucina cinese cucina orientale cucina sana dai peso al natale davide scabin dior download eataly foie gras fois gras francesco apreda gianduia gorgonzola guanciale healthy healthy food iniziative inverno jovanotti kitchenaid la granda la tramontina lasagne legumi lime luca montersino macarons mangiare a Gaeta mangiare a Torino mangiare a Vasto marco stabile mollica molluschi mozzarella di bufala musica nutella pancakes pasta brisè pasta fillo patate patate viola pere piemonte pink pizza pollo premi quiche quiche alsacienne quiche lorraine quiche vosgienne radicchio remoulade remoulade di sedano rapa riso rosso roma food and wine festival rosa cipria rosmarino roveja salsa bernese salutiamoci sedano rapa semi di girasole semi di zucca sesamo spinaci street food tartufo the hummingbird bakery torrone torta alla nutella torta skate vapore vongole
Con un Poco di Zucchero
tutti i diritti riservati - vietata la riproduzione anche parziale